Mercoledì, 04 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Legge 12, i lavoratori calabresi si appellano ai consiglieri regionali
OCCUPAZIONE

Legge 12, i lavoratori calabresi si appellano ai consiglieri regionali

La procedura burocratica è stata bruscamente stoppata senza spiegazioni plausibili e senza che se ne siano capite le reali motivazioni
appello, calabria, consiglieri regionali, lavoratori ex legge 12, stabilizzazione, Calabria, Economia
La sede del Consiglio della Regione Calabria

Il Consiglio Regionale si riunirà domani 29 dicembre; l’assemblea sarà chiamata a completare l’iter occupazionale relativo al bacino dei lavoratori precari della Legge 12 del 2014. A tal proposito, i precari della Legge 12 lanciano un appello ai rappresentanti delle forze politiche presenti in Consiglio regionale, al fine di sostenere e di definire la travagliata vicenda che li riguarda. «Oggi è stato intitolato - si legge in una nota dei lavoratori - il palazzo della Cittadella regionale al compianto presidente Jole Santelli e i lavoratori si chiedono ancora il perché non sia stata rispettata la volontà dello stesso presidente, che aveva predisposto tutti gli atti necessari e provveduto direttamente all'individuazione della relativa previsione di spesa. Infatti, proprio nel momento in cui il percorso lungo e travagliato che li riguarda, stava giungendo alla sua conclusione in maniera legittima e trasparente, venne bruscamente stoppato senza spiegazioni plausibili e senza che se ne siano capite le reali motivazioni. A questo vi è da aggiungere l’aggravante della disparità di trattamento perpetrata in favore di lavoratori che, nonostante non rientrassero in nessun bacino e in nessuna legge , sono stati beneficiari di provvedimenti che, a tutt'oggi, non sono stati mai adottati nei confronti del bacino pienamente regolamentato dalla legge 12. Il futuro dei 209 lavoratori e delle loro famiglie - hanno concluso - è quindi nelle mani dei consiglieri regionali che, domani sono invitati ad approvare provvedimenti mirati a garantire il legittimo percorso occupazionale e mettere finalmente fine a questa assurda e paradossale vicenda».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook