Martedì, 27 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Scuola in Calabria, accordo fra le associazioni per il riparto dei fondi 0-6 per l'infanzia
CATANZARO

Scuola in Calabria, accordo fra le associazioni per il riparto dei fondi 0-6 per l'infanzia

A Lamezia Terme un confronto tra la Fism Calabria, la Confcooperative Calabria, la Calabria Infanzia in Rete 0/10, il Comitato Educhiamo Calabria e il Comitato Servizi Educativi 0/6 Calabria, sul Documento di indirizzo e orientamento per la ripresa delle attività in presenza dei servizi educativi e delle scuole dell’infanzia e sui criteri di ripartizione relativamente agli anni 2018/2019/2020 delle risorse del fondo nazionale per il sistema integrato di educazione e di istruzione 0/6.

Le associazioni hanno deciso di presentare all’assessorato del Welfare della Regione un documento condiviso sulla corretta applicazione della legge 107/2015 e il successivo DL n. 65/2017 che rappresenta una vera rivoluzione per i servizi 0/6. I nidi e i servizi educativi vengono ricondotti alla sfera educativa piuttosto che al comparto assistenziale. Viene inoltre istituito il “Sistema Integrato di Educazione i Istruzione 0/6 anni" indirizzato e coordinato dal Ministero dell'Istruzione.

A tale sistema viene riconosciuto un ruolo cruciale, non solo nel sostegno alla genitorialità, ma anche come strumento fondamentale nei percorsi di crescita del bambino. Tra gli obiettivi anche la riduzione delle diseguaglianze territoriali, economiche, etniche e culturali attraverso la maggiore diffusione di tali servizi e la garanzia delle pari opportunità di educazione e di cura.

"La realizzazione di questi obiettivi rappresenta per la nostra Regione un’occasione straordinaria in quanto, emerge in tutte le statistiche che la Calabria è fanalino di coda non solo nel nostro Paese, ma a livello europeo per l'erogazione di questi servizi. Quindi non si giustificano ritardi e negligenze, che si sono verificate nella precedente gestione". "Pertanto, con grande responsabilità a Lamezia - continua la nota - dopo confronti ed approfondimenti, sui criteri di ripartizione delle tre annualità 2018,2019,2020 si tratta di una somma notevole circa 35 milioni di euro,si è redatto un documento condiviso all'unanimità".

L'intesa raggiunta è indirizzata all'assessorato del Welfare affinchè le risorse vadano spese tempestivamente ma con oculatezza per valorizzare i servizi esistenti e per meglio diffondere nel territorio nuovi servizi non solo per andare incontro alle esigenze delle famiglie, ma anche perché si sostiene e si sviluppa l’occupazione femminile il che non guasta in considerazione dei vergognosi dati su questa materia. La proposta è stata inviata all’Assessore Gallo che ha dimostrato attenzione, riuscendo a reperire le risorse per il cofinanziamento con l’augurio che, l’intesa realizzata da chi opera da anni in questo settore con professionalità e rigore, possa avere la giusta accoglienza anche dall’Anci che è stato adeguatamente sensibilizzato.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook