Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
TANGENTI

Tariffe idriche in Calabria, il Codacons: "Ecco quanto hanno pagato in più i cittadini"

I Cittadini di Reggio Calabria sono quelli ad aver pagato di più per le tariffe illegittime. Ben 16milioni e 100mila euro a ruota segue Catanzaro, con 14milioni e 600mila euro, seguono Lamezia Terme con 8,6 milioni, Cosenza con 6,9 milioni, Crotone 6,3 milioni, Vibo Valentia 4,1 milioni, Rende 4 milioni… e così via, Gioia Tauro 3,3 milioni, Cirà Marina 2,7 milioni, Sellia Marina 0,8 milioni, Botricello 0,8 milioni, Sersale 0,45 milioni, Acri 0,3 milioni, Amantea 1,4 milioni, Paola 1,35 milioni.

Continua il Codacons in quella che appare una vera e propria crociata per riportare la legalità nelle tariffe dell’acqua. "Certo che dopo il nostro accorato appello al Dottor Gratteri, affinché intervenga per riportare la legalità tariffaria in Calabria - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale del Codacons - l’assordante silenzio da parte di SoRiCal e, soprattutto, della Regione Calabria è apparso qualcosa di molto simile ad una conferma delle nostre denunce. Per questo motivo continueremo ad informare i Cittadini di quanto sono stati  alleggeriti i loro portafogli con delle vere e proprie “tangenti” nelle bollette dell’acqua".

"Vista l’assoluta indifferenza della politica calabrese, - continua - abbiamo chiesto alla Procura di liberarci dall’odiosa 'tangente' contenuta nelle bollette dell’acqua. I comuni Calabresi impongono ai cittadini somme determinate in maniera illegittima. Tanto perché nonostante la competenza per determinare gli aumenti sia dello Stato, in Calabria gli aumenti sono stati decisi con atti della Regione o direttamente da SoRiCal. Una illegittimità sottolineata dalla Corte Costituzionale, dalla Corte dei Conti e, addirittura, dal Comitato di Consulenza Giuridica della Giunta Regionale, che ha sollecitato la Regione al ripristino della legalità tariffaria stabilendo che SoRiCal deve operare dei conguagli in favore dei Comuni calabresi per quanto versato in più rispetto alle tariffe legali".

"Si tratta di una vera e propria truffa, perpetrata nel silenzio generale e con complicità diffuse - incalza Di Lieto - che ha portato i calabresi a pagare tariffe maggiorate per 190 milioni di euro. Confidiamo che i Sindaci Calabresi vogliano leggere la sentenza nr. 246/2009 della Corte Costituzionale e quindi decidano di agire a tutela dei propri Cittadini".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook