Lunedì, 21 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
CONSIGLIO DEI MINISTRI

Decreto Crescita, rottamazione in arrivo per le tasse locali: la decisione ai Comuni

di
comuni, consiglio dei ministri, Decreto Crescita, rottamazione, tasse locali, Francesco Di Lieto, Calabria, Economia
Agenzia delle entrate

Il decreto Crescita, che oggi arriva in Consiglio dei ministri per l'approvazione, potrebbe rappresentare uno spartiacque per gli enti locali. Multe automobilistiche, Imu, Irap, Tasi potranno infatti essere condonate.

La misura interessa i provvedimenti di ingiunzione o ruoli, notificati negli anni dal 2000 al 2017, e consente di pagare l'importo dovuto senza le sanzioni e gli interessi. I singoli enti potranno decidere se introdurre o meno le sanatorie. L'obiettivo è quello di consentire agli enti locali di scegliere la via della rottamazione anche per le cartelle il cui onere di riscossione è stato affidato a società private diversa dall'ex Equitalia, ora Agenzia delle entrate riscossione.

Per il Codacons si tratta di un'opportunità da cogliere al volo. «Da mesi sollecitiamo l'estensione ai Comuni della “pace fiscale” - sostiene Francesco Di Lieto, vicepresidente nazionale dell'organizzazione -. Si tratta di estendere la possibilità a quei Comuni (e in Calabria sono la stragrande maggioranza) che non riscuotono le entrate tramite la “vecchia” Equitalia. L'articolo 14 bis del decreto prevede che entro 60 giorni i Comuni dovranno approvare la delibera in Consiglio comunale, individuando quali entrate ed anche per quali anni sarà consentita la “rottamazione”».

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook