Domenica, 20 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
COLDIRETTI

Autunno d'oro per funghi e tartufi e in Calabria volano i consumi

calabria coldiretti, prodotti autunno 2018, Calabria, Economia
Funghi

Anno 2018 d'oro per i frutti dell’autunno con risultati positivi per le ricerche di funghi e tartufi. Aumenta anche la produzione nazionale di vino, kiwi, nocciole e, dopo aver rischiato la scomparsa, sono tornate anche le castagne italiane con un raccolto stimato quest’autunno superiore a 30 milioni di chili in aumento dell’80% rispetto a cinque anni fa.

È quanto emerge da una analisi della Coldiretti dalla quale si evidenzia per l’autunno 2018 una netta inversione di tendenza rispetto allo scorso anno, anche per l’effetto delle condizioni climatiche. Con i risultati positivi delle ricerche, si sono ridotti di 1/3 (-33%), rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, i prezzi del tartufo bianco che hanno toccato i 300 euro all’etto al borsino del tartufo di Alba, punto di riferimento a livello nazionale, per pezzature medie attorno ai 20 grammi, proprio all’apertura della Fiera Internazionale.

Valori molto più convenienti rispetto allo scorso anno che stanno facendo volare i consumi si registrano dal Piemonte alle Marche, dalla Toscana all’Umbria, dall’Abruzzo al Molise, ma anche nel Lazio e in Calabria dove sono numerosi, precisa Coldiretti, i territori battuti dai ricercatori del Tuber magnatum Pico. Si stima che siano coinvolti complessivamente circa duecentomila raccoglitori ufficiali che riforniscono negozi e ristoranti ed alimentano un business che comprensivo di indotto sviluppa un valore stimato in circa mezzo miliardo di euro tra fresco, conservato o trasformato.

Buone notizie anche per il raccolto 2018 di nocciole che si prospetta in crescita, con una ripresa delle produzioni dopo un deludente 2017, anche se, in alcune zone, ci sono state difficoltà legate alle precipitazioni eccessive dell’ultimo periodo, mentre per il kiwi il raccolto fa segnare un balzo del 18% con l’Italia che è il primo produttore europeo e il secondo mondiale dopo la Cina. Anche la vendemmia, conclude Coldiretti, si prevede in aumento tra il 10% e il 20%, attorno ai 50 milioni di ettolitri: questo garantisce all’Italia il primato mondiale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook