Sabato, 04 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Parla calabrese una delle più importanti mostre d'arte a Roma
TEMPLE UNIVERSITY

Parla calabrese una delle più importanti mostre d'arte a Roma

di

E' a forte trazione calabrese una delle più importanti mostre d'arte in corso a Roma. E' stata allestita nel The Temple University Rome Gallery of Art, ed è un omaggio  al celeberrimo artista Carlo Maria Mariani. Il titolo è illuminante: "Io non sono un pittore, io non sono l’artista, io sono l’opus". Ma perché è una iniziativa segnata dal profumo della Calabria? Perché le opere in mostra sono state  offerte da un medico, Antonio Martino, ginecologo di fama e responsabile del Pronto soccorso della Divisione di Ostetricia dell'ospedale Fatebenefratelli di Roma.

Martino è originario di Gioia Tauro, ha studiato al liceo classico di Palmi e porta da sempre la propria terra di origine nel cuore. Il medico calabrese è il curatore della mostra insieme al famoso storico dell'arte Lorenzo Canova e  all'artista Nicola Verlato. Il direttore  della  Exhibitions Temple University Rome, Shara Wasserman, aprendo l'evento ha detto: "Ringrazio Antonio Martino per la fiducia e generosità dimostrata nei confronti della Gallery of Art e per essersi reso disponibile a farmi ospitare questa rigorosa e significativa mostra, con opere scelte della sua collezione che comprendono oltre che Mariani, Luigi Ontani, Gino De Dominicis, Salvo, Giulio Paolini, Nicola Verlato, Valerio Carrubba, e Patrizio di Massimo. Nel novembre 2021, poco dopo la scomparsa di Carlo Maria Mariani, Antonio, medico eccellente e impegnato e importante collezionista e amico dell’Artista,  ha pensato di omaggiare il Maestro Carlo Maria Mariani, con una selezione di sue opere e di altri artisti, concettualmente ed esteticamente sulla stessa scia, e facenti parte della sua collezione. E così oggi eccoci qua".

Antonio Martino, commentando la mostra, ha dichiarato: "Tanto per rimanere sul tema del neoclassicismo, e dell’amato Carlo Maria, posso asserire che l’Arte rappresenti il mio " Violino d’Ingres". Dire a qualcuno che ha un " Violino d’Ingres" significa che questa persona, oltre a svolgere bene il proprio lavoro, porta avanti in parallelo con successo anche una vera passione.
Più semplicemente quindi possedere "un violino d’Ingres" significa avere un hobby ed essere molto bravi nel coltivarlo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook