Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Francesco Cilea, settant'anni fa moriva uno dei più grandi musicisti calabresi
IL RICORDO

Francesco Cilea, settant'anni fa moriva uno dei più grandi musicisti calabresi

di
Calabria, Cultura

Un personaggio straordinario: un musicista e compositore cui sono intitolati teatri, conservatori e strade in molte città del mondo. Si chiamava Francesco Cilea, era nato a Palmi nel 1866. E oggi ricorre il settantesimo anniversario della morte.

Si tratta di uno fra i più grandi musicisti calabresi di sempre, forse il più grande. Morì il 20 novembre 1950 a Varazze (Liguria), dove viveva con la moglie Rosa Lavarello, dopo una vita costellata di successi (“L’Arlesiana”-1897; “Adriana Lecouvreur”-1902; “Gloria”-1907). Oggi gli è intitolato uno dei concorsi musicali più prestigiosi del Paese, che si svolge annualmente a Palmi, sua città natale e nella quale è sepolto all'interno di un Mausoleo posto all'inizio del corso principale.

"Un artista mondiale" spiega Antonio Gargano, direttore e fondatore del "Concorso Cilea" al quale la musica deve moltissimo. "Un uomo -aggiunge Gargano - di sconfinata cultura".

A 12 anni dalla morte, nel 1962, dopo tante insistenze, un comitato palmese (guidato dall’on. Giuseppe Marazzita), convinse la vedova ad autorizzare la traslazione della salma da Varazze a Palmi, per essere adagiata davanti a quel mare di Calabria "tenero e pauroso" come quello ligure.

All'inaugurazione del Mausoleo, il 29 novembre 1962, prese la parola il celebre scrittore Leonida Repaci, il quale, nato a pochi passi dal grande musicista, celebrò con commozione i talenti artistici del conterraneo, cui è intestato anche il teatro di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook