Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Coronavirus, movimento lavoratori calabresi di cultura e spettacolo: "Settore bloccato"
LA PROTESTA

Coronavirus, movimento lavoratori calabresi di cultura e spettacolo: "Settore bloccato"

Il movimento dei lavoratori e delle lavoratrici calabresi della Cultura e dello Spettacolo "Approdi" torna a manifestare contro l'attuale situazione che investe il settore. La battaglia del movimento sui temi che stanno ad a cuore ad "Approdi" è presente con un testo che viene letto prima di ogni spettacolo che si sta svolgendo in questi giorni in Calabria.
L'ultimo grande evento in cui il comitato ha letto il proprio comunicato è stato prima del concerto di Massimo Ranieri a Cosenza. Ecco il testo: "Oggi siete qui per assistere a uno spettacolo. Dietro ogni spettacolo c’è tanto lavoro che non è visibile sul palco, ci sono tante lavoratrici e lavoratori che per mesi costruiscono quello che poi avete la possibilità di vedere in scena in una bella serata come questa. Siamo più di 250 mila in tutto il paese. Produciamo il 6% del Pil. E il nostro lavoro, sia nell'ambito artistico, che in quello tecnico, richiede professionalità, formazione e aggiornamento continuo. In seguito alla crisi sanitaria l'intero settore si è bloccato, e sono ormai 5 mesi che non abbiamo, nel concreto, la possibilità di tornare al lavoro. Siamo stati i primi a fermarci e saremo gli ultimi a ripartire. La riapertura, formalmente prevista per il 15 giugno, si è rivelata estremamente parziale, coinvolgendo solo una parte minoritaria del comparto (si stima una media di 2 lavoratori sui 10 dell'era pre-COVID), e consentendo la ripresa delle attività solo a pochissime realtà che ricevono finanziamenti pubblici, statali, regionali o comunali, e che sono le uniche in grado di sostenere i costi generati dalla messa in atto dei necessari presidi sanitari e di tutela della salute pubblica", si legge nella nota.

"L'attuale situazione comporta quindi non solo un problema di sussistenza quotidiana per tutti coloro che operano nel settore cultura e spettacolo, ma anche il rischio concreto di perdita di tutte quelle professionalità, spesso altamente specializzate, che si sono costruite in anni di formazione ed esperienze qualitativamente riconosciute. Visto che la reale ripresa per questo settore avverrà solo con la risoluzione completa del problema sanitario, rischiamo di non poter tornare a lavoro ancora per molti mesi (forse un anno)", prosegue la nota del movimento "Approdi".

"Soprattutto nella nostra regione, già martoriata dal problema della disoccupazione in ogni ambito, chiediamo quindi interventi che garantiscano dignità e che vengano indirizzati con urgenza verso le professionalità del territorio. A voi che siete qui e che amate il teatro, la musica, la danza, l'arte, chiediamo di sostenere la causa dei lavoratori dello spettacolo, senza di noi tutto ciò che amate non sarebbe realizzabile".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook