Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Vibo, riflettori sul "tempio ionico": ancora una volta rinviata l'apertura
SITO ARCHEOLOGICO

Vibo, riflettori sul "tempio ionico": ancora una volta rinviata l'apertura

di

A distanza di due anni dal completamento dei lavori di scavo e di restauro, eseguiti per portare alla luce i resti del grande tempio ionico scoperto dall’archeologo Paolo Orsi agli inizi del Novecento, ci si sarebbe aspettati, a rigor di logica, di ricevere notizia dell’apertura al pubblico del sito archeologico.

Una notizia che avrebbe suscitato l’entusiasmo dell’intera comunità che finalmente avrebbe potuto godere di uno dei beni più preziosi del proprio patrimonio culturale. L’annuncio che invece, in questo momento, giunge alla città è un altro: cancelli serrati e beni archeologici a rischio. Proprio così, le sorti delle fondamenta dell’antico edificio sono in pericolo in quanto i teli di copertura che erano stati posti a protezione delle stesse sono ormai ridotti a brandelli.

A constatare con i propri occhi il penoso stato in cui versano le opere di località Cofino, ieri mattina nell’ambito della manifestazione voluta dal Comitato per i cinquant’anni della fondazione del Museo “Capialbi”, sono stati in tanti: cittadini, associazioni, archeologi, rappresentanti istituzionali.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Vibo della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook