Domenica, 05 Febbraio 2023
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca ’Ndrangheta in Veneto, pene ridotte in Appello
CLAN GRANDE ARACRI

’Ndrangheta in Veneto, pene ridotte in Appello

Tutti condannati, ma con pene ridotte rispetto a quelle inflitte dal Tribunale di Padova. S’è concluso così il secondo grado di giudizio di rito ordinario a carico di sette imputati, nato dall’inchiesta “Camaleonte” della Dda di Venezia contro il radicamento della cosca Grande Aracri di Cutro in Veneto.

Le condanne

A Sergio Bolognino, originario di Locri, ritenuto dagli inquirenti ai vertici del clan cutrese attivo tra Padova, Venezia e Vicenza, la Corte d’Appello di Venezia ha applicato la pena concordata tra accusa e difesa: 17 anni di carcere (tre in meno rispetto ai 20 anni del primo grado). Poi, 4 anni e 9 mesi di reclusione sono toccati all’imprenditore padovano Luca De Zanetti (9 anni e 4 mesi); Francesco Agostino, 7 anni e 2 mesi (8 anni e 10 mesi); Antonio Gnesotto, 7 anni e 6 mesi (8 anni e 10 mesi); il presunto braccio destro di Bolognino, Antonio Genesio Mangone, 12 anni e 8 mesi (16 anni e 6 mesi); Emanuel Levorato, 4 anni, 5 mesi e 10 giorni (5 anni e 4 mesi); e Stefano Marzano, 7 anni e 2 mesi (8 anni e 10 mesi). Il blitz “Camaleonte”, scattato il 12 marzo 2019 con l’esecuzione di 27 arresti, fece luce sulle ipotizzate vessazione che gli esponenti e i fiancheggiatori della ‘ndrina di Cutro avrebbero perpetrato ai danni delle aziende venete bisognose di liquidità.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook