Sabato, 03 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca 'Ndrangheta, il "capolavoro" delle cosche calabresi. La scalata alla massoneria
LA TESTIMONIANZA

'Ndrangheta, il "capolavoro" delle cosche calabresi. La scalata alla massoneria

di
La relazione della Commissione parlamentare antimafia. Il gran maestro: infiltrate al nord grazie alle logge

L’espansione della ‘ndrangheta nel Nord Italia sarebbe stato realizzato attraverso «una pianificata infiltrazione nelle logge massoniche». Lo ha sostenuto davanti alla Commissione parlamentare Antimafia Giuliano Di Bernardo, che ha ricoperto il ruolo di gran maestro del Grande Oriente d’Italia. Nella relazione appena pubblicata sono riportate le sue parole e il suo allarme circa la permeabilità delle logge massoniche da parte delle organizzazioni criminali: «Quando un’obbedienza massonica è debole ed è in crisi, diventa facile preda di organizzazioni criminali che cercano di impossessarsene ». Di Bernardo ha affermato di credere, pertanto, che ciò sia quello che si sta effettivamente verificando. A sostegno della sua tesi cita un episodio. In relazione a «una obbedienza (G.L.R.I.) vennero rinvenuti nominativi non identificabili in una percentuale particolarmente significativa (pari al 73,3%), tanto da escludere che potesse trattarsi di un mero errore nell’inserimento dei dati». Anche nel Grande Oriente, sostiene Di Bernardo, «vi è una percentuale importante anche se di minore entità». Proprio la mancanza di trasparenza degli elenchi degli iscritti alla massoneria ha favorito l’infiltrazione della ‘ndrangheta.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook