Martedì, 29 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cutro, quando il boss ordinò: dobbiamo mangiare tutti quanti
I RETROSCENA

Cutro, quando il boss ordinò: dobbiamo mangiare tutti quanti

di
Sarebbe stato Nicolino Grande Aracri a gestire la nascita dell’impianto di biomasse

L’intera filiera delle biomasse sarebbe stata gestita direttamente dalle cosche di ‘ndrangheta, la stessa nascita della centrale di Cutro sarebbe stata voluta dal boss Nicolino Grande Aracri. A parlare della genesi del business “green” è il collaboratore di giustizia Salvatore Muto. Grande Aracri, ha sostenuto il pentito, si sarebbe inserito nell’“affaire” delle biomasse sin dalla creazione della centrale di Cutro adoperandosi nei confronti di pubblici amministratori al fine di far ottenere le relative autorizzazioni. L’intervento del boss veniva naturalmente retribuito dai vertici della centrale a biomassa mediante sovrafatturazioni a ditte di comodo imposte dalla cosca cutrese che, inoltre, pilotava assunzioni presso quello stabilimento. Proprio nella tavernetta del boss di Cutro si sarebbe deciso di indicare Mario Donato Ferrazzo come referente per il trasporto di cippato presso la centrale a biomassa. In una intercettazione del 2012 il capobastone affermava che un business così redditizio non poteva essere gestito da una singola organizzazione criminale e che avrebbe comunque consentito ingenti guadagni per più realtà ‘ndranghetistiche tra cui anche quella mesorachese: «Dobbiamo guadagnare tutti quanti…inc… dobbiamo mangiare tutti quanti».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook