Giovedì, 29 Settembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Omicidio Covato a Vibo, un “cold case” risolto a distanza di 31 anni
DDA CATANZARO

Omicidio Covato a Vibo, un “cold case” risolto a distanza di 31 anni

di
Chiesto un rinvio a giudizio: Il delitto sarebbe stato organizzato per vendetta da Nazzareno Colace
omicidio, Francesco Covato, Calabria, Cronaca
Nazzareno Colace

Solo qualche mese dalla richiesta di rinvio a giudizio alla fissazione dell’udienza preliminare. Proprio stamattina davanti al gup distrettuale di Catanzaro, Giuseppe De Salvatore, dovrà comparire Nazzareno Colace, 58 anni di Vibo indagato per l’omicidio di Francesco Covato, 21 anni di Briatico, scomparso nel nulla nel gennaio di trentadue anni fa.
Il pm distrettuale Andrea Mancuso, infatti, lo scorso luglio ha chiesto al gip di Catanzaro il decreto che dispone il giudizio nei confronti dell’imputato (difeso dall’avv. Francesco Sabatino e dall’avv. Francesco Gambardella) accusato di omicidio e di occultamento di cadavere. In particolare a Colace – attualmente sottoposto alle misure cautelari di divieto di espatrio, divieto di dimora in Calabria e obbligo di presentazione alla pg – l’accusa contesta di essere stato «ideatore, promotore e co-esecutore del delitto» avvenuto il 23 gennaio del 1990. Capo di imputazione aggravato, oltre che dall’agevolazione mafiosa (cosca Tripodi-Mantino), anche dalla premeditazione e dai motivi futili e abietti.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

 

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook