Lunedì, 08 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ospedali in Calabria, la rete è un colabrodo

Ospedali in Calabria, la rete è un colabrodo

di
Il Piano di gestione per il potenziamento delle strutture in emergenza Covid, approvato nel 2020, non è stato ancora attuato

Ospedali potenziati con posti letto aggiuntivi, percorsi dedicati, mappe, strumenti e apparecchiature di ultima generazione. E, poi, ristrutturazione e ampliamento dei locali esistenti. Naturalmente, anche arruolamento di nuovo personale nelle strutture territoriali e nelle Usca, e, pure, l’attivazione degli infermieri di quartiere. Il libro dei sogni nel quale sono ridefinite le traiettorie della rete ospedaliera calabrese in emergenza Covid era stato approvato dalla Regione il 18 giugno del 2020. E dopo l’integrazione del 3 luglio e il via libera del Ministero della Salute il 16 luglio di due anni fa, il Piano di gestione fu inviato al Commissario straordinario per l’emergenza nazionale, Domenico Arcuri, che lo validò e lo restituì alla Calabria alla fine di ottobre. Da allora, però, è tutto fermo, nonostante i tentativi del commissario-governatore Roberto Occhiuto di rianimare un sistema-salute agonizzante con parametri vitali impercettibili.
Il problema è che la sensibilità del Servizio sanitario regionale non è cambiata. Il suo profilo intorpidito e attonito non sembra adatto a garantire livelli di assistenza e cure di qualità. Eppure il Piano era consistente con la realizzazione di 134 postazioni aggiuntive di terapia intensiva e altri 136 posti in terapia subintensiva.

L'articolo completo potete leggerlo nell'edizione cartacea - Calabria 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook