Sabato, 25 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Calabria, l’Agenzia per la coesione “cancella” le periferie. Beffati i Comuni
LA MAPPA

Calabria, l’Agenzia per la coesione “cancella” le periferie. Beffati i Comuni

di
La nuova classificazione delle aree interne
Calabria, Cronaca
La sede dell’Agenzia nazionale per la coesione

Doppiamente beffati. È la sensazione che hanno provato in questi giorni i sindaci di molti Comuni calabresi, non appena hanno potuto prendere visione della nuova mappa delle aree interne redatta dall’Agenzia nazionale per la coesione. La nuova “geografia” disegnata a Roma presenta profili inediti e sorprendenti. Un dato su tutti: i centri cosiddetti “periferici” scendono da 142 a 118, quelli “ultraperiferici” da 33 a 13. Di contro, i Comuni denominati di “cintura” rispetto ai grandi centri urbani salgono da 67 a 114. Piccolo passo indietro per inquadrare meglio la vicenda: le aree interne sono i Municipi italiani più periferici, in termini di accesso ai servizi essenziali (salute, istruzione, mobilità). Per definire quali ricadono nelle aree interne, per prima cosa vengono definiti i comuni “polo”, cioè realtà che offrono contemporaneamente (da soli o insieme ai confinanti): un’offerta scolastica secondaria superiore completa (cioè almeno un liceo, un istituto tecnico e un istituto professionale); un ospedale sede di Dea di primo livello; una stazione ferroviaria.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook