Sabato, 25 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lamezia, l’impero dei Perri “spacchettato” tra tutti i familiari
L'INCHIESTA

Lamezia, l’impero dei Perri “spacchettato” tra tutti i familiari

di
I pentiti indicano il fratello maggiore Franco come “dominus” della holding sequestrata dalla Dda di Catanzaro. Buonuscita milionaria per il fratello minore uscito dalla “Due Mari”
inchiesta due mari, Calabria, Cronaca
Il centro commerciale Due Mari di Maida

Un patrimonio immenso. Gestito da una rete societaria “spacchettata” tra tutti i familiari. È quanto ha ricostruito la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, guidata dal procuratore Nicola Gratteri, che ha chiesto e ottenuto dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale catanzarese il sequestro dell’impero economico da 800 milioni di euro riconducibile ai fratelli Franco, Pasqualino e Marcello Perri di Lamezia Terme. Impero che sarebbe nato e cresciuto per volere della ‘ndrangheta lametina, in particolare quella degli Iannazzo. “Dominus” della holding, secondo le numerose dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, sarebbe Franco Perri, a capo degli affari di famiglia dopo la morte del padre Antonio, ucciso nel 2003 in uno dei loro supermercati. Nell’ordinanza di sequestro del patrimonio dei Perri, il giudice scrive che la maggior parte delle società riferibili ai fratelli Perri «sono state create come se dirette da un'unica volontà alla quale, via via, hanno partecipato tutti i componenti della famiglia, sia con la famiglia di origine che quella successivamente costituita dai tre fratelli».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook