Giovedì, 26 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sul Tirreno cosentino sanità in perenne emergenza
COVID

Sul Tirreno cosentino sanità in perenne emergenza

di
Paola, situazione aggravata dalla pandemia. A Cetraro sospese le attività delle sale operatorie e chiuso il reparto di Urologia

Il Covid sta cannibalizzando gli ospedali del litorale smorzando sul nascere le timide ambizioni di ripresa delle normali attività sanitarie. È una crisi che viene da lontano quella che investe i nosocomi del Tirreno cosentino. L’origine è stata la mancata applicazione del decreto Scura per lo spoke di Paola-Cetraro. Con reparti e servizi doppioni è mancato un chiaro disegno di attuazione delle disposizioni in materia. E così non solo molti medici non sono più arrivati, ma altri che erano in organico hanno anche preferito trasferirsi. Ad aggravare il quadro sono poi giunti i pensionamenti.
Oggi in piena emergenza sanitaria si è incapaci di dare risposte tempestive ai cittadini. Dirottando di fatto tutto sull’Annunziata di Cosenza. Dopo un’estate caratterizzata dalle vicende che hanno interessato la radiologia – un giorno chiusa a Cetraro, l’altro a Paola per il fermo dei macchinari – si è aperto un inverno difficile dove le note carenze hanno portato alla chiusura di reparti e alla cancellazione di servizi.
Resta da capire – nonostante gli ultimi annunci – quale sarà il destino del nosocomio di Praia a Mare. Se riuscirà a svolgere funzioni di vero e proprio Ospedale, oppure la sua riapertura servirà a fronteggiare l’emergenza Covid.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook