Domenica, 29 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lsu-Lpu Calabria, i sindacati: nuovi passi in avanti per la stabilizzazione
L'INCONTRO

Lsu-Lpu Calabria, i sindacati: nuovi passi in avanti per la stabilizzazione

"L'incontro tenutosi ieri 20 gennaio tra il presidente Occhiuto, la vicepresidente Princi, il Dg Cosentino e le organizzazioni sindacali Cgil - Cisl - Uil, Fp Cgil – Cisl Fp – Uil Fpl, Nidil-Cgil – Felsa-CISL – Uiltemp Uil, ha segnato un avanzamento rispetto alla vertenza degli ex Lsu-Lpu calabresi, dopo aver conseguito nel tempo importanti risultati  con la contrattualizzazione nel 2015 e la stabilizzazione nel 2020 frutto di una serrata rivendicazione sindacale". Lo hanno affermato in una nota, i segretari confederali Angelo Sposato (Cgil), Tonino Russo  (Cisl), Santo Biondo (Uil), quelli generali Alessandra Baldari (FP Cgil),  Luciana Giordano (Fp Cisl),  Ivan Ferraro  (Nidil Cgil), Gianni Tripoli (Felsa Cisl), Gianvincenzo Benito Petrassi (UilTemp), e quello regionale Elio Bartoletti (Uil Fpl).

"Ieri invece, si è discusso dell'approvazione del decreto Milleproroghe,  che ha visto l’equiparazione su base nazionale tra gli Lpu e Lsu ed il riconoscimento di altri 20 mln di euro, un provvedimento fortemente voluto dal sindacato che ha sollecitato e vigilato rispetto alla stesura del testo definitivo e  che consentirà quindi un aumento di contributo agli Enti utilizzatori e quindi delle retribuzioni. Tale cifra - hanno proseguito i sindacalisti -  sarà materialmente a disposizione dei Comuni con la conversione in legge del Decreto stesso che avverrà dal 3 marzo 2022, data in cui diverrà pienamente operativo".

Pertanto le Organizzazioni sindacali hanno ritenuto opportuno chiedere  alla Presidenza della Guinta regionale di "produrre ogni utile intervento per anticipare il più possibile l’iter burocratico onde evitare difficoltà finanziarie agli enti e comunque confermando  la decorrenza  dell’01.01.2022 per il miglioramento orario della contrattualizzazione dei lavoratori".

Nell’occasione le organizzazioni sindacali hanno chiesto che "venga reso stabile il fondo dei 39 mln di euro regionali al netto dei pensionamenti che avverranno nel tempo e che i risparmi così derivanti siano reinvestiti di anno in anno nell’aumento ulteriore della quota pro capite dei lavoratori rimanenti nel bacino ed il tal senso  la Regione procederà recependo la detta richiesta. È stata concordata la redazione e la  sottoscrizione di un accordo quadro che disciplini le modalità di quantificazione e utilizzazione delle risorse in modo che il beneficio sia ripartito pro capite a tutti i lavoratori, evitando di fatto che possa esserci qualche lavoratore ancora part time che non possa vedersi adeguare il proprio stipendio. Infine, è stato chiesto di equiparare al resto del bacino, qualora ce ne fosse bisogno, anche quei lavoratori stabilizzati nel 2018 superando la convenzione sottoscritta tra la Regione Calabria e il Ministero del Lavoro che prevedeva un incentivo statale di soli 4 anni. Rimane obiettivo del Sindacato confederale continuare sul percorso intrapreso tendendo all'obiettivo del full time fino al raggiungimento del massimo retributivo possibile e confidando in  interlocuzioni istituzionali che valuteremo, di volta in volta,  in riscontro a  risultati  concreti e migliorativi per i lavoratori".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook