Lunedì, 28 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Forte terremoto magnitudo 4.3, trema la Calabria. Evacuate le scuole, disagi sulla linea ferroviaria
SISMA

Forte terremoto magnitudo 4.3, trema la Calabria. Evacuate le scuole, disagi sulla linea ferroviaria

di

La Calabria, si sa, é «terra ballerina». I terremoti, anche se fortunatamente quasi sempre di lieve intensità, si susseguono a ritmo quasi quotidiano ed interessano un pò tutto il territorio regionale. La scossa verificatasi stamattina, però, con epicentro in mare nel Golfo di Sant'Eufemia, ad appena dieci chilometri dalla costa, é stata più forte delle altre. Ha avuto, infatti, una magnitudo di 4.3 ed é avvenuta ad una profondità di appena dieci chilometri, tanto da essere avvertita distintamente sulla terraferma in molti centri della fascia tirrenica, da Gioia Tauro fino a Scalea, in provincia di Cosenza. Il terremoto é stato sentito anche in importanti centri interni, come Catanzaro e Cosenza, abbracciando così una fascia di territorio molto vasta. Giustificato e comprensibile, quindi, l’allarme e la preoccupazione di molte persone.

Scuole evacuate

La situazione più delicata si é determinata nelle scuole. Tutti gli istituti sono stati fatti sgomberare immediatamente. Ed il dato confortante é che l'evacuazione si é svolta senza panico ed in maniera ordinata.
Segno che le molte simulazioni di sgombero per terremoto che vengono svolte regolarmente sono state ben assimilate da alunni e corpo docente.
Gli scolari più piccoli, dopo avere lasciato gli istituti, sono stati raccolti ordinatamente nelle piazze o negli slarghi in prossimità degli istituti ed i genitori, dopo essere stati avvertiti, anche se molti lo hanno fatto di loro iniziativa, sono venuti a prenderli.
Subito dopo la scossa, le forze dell’ordine hanno avviato gli accertamenti per verificare eventuali conseguenze per persone o cose. Dai controlli, comunque, é emersa l’assenza di feriti e la mancanza di conseguenze o problematiche particolari.

Controlli sulla linea ferroviaria

La circolazione ferroviaria é stata sospesa immediatamente lungo la linea tirrenica e tra Lamezia Terme e Catanzaro per accertare se il terremoto avesse provocato danni ai binari, con i pericoli che ne potevano conseguire. A farne le spese sono stati dieci treni a lunga percorrenza e 16 regionali, che hanno subito limitazioni nel percorso. Fatte le dovute verifiche, é stato accertato che i binari in tutti i centri interessati dalla scossa non avevano riportato alcuna conseguenza. I treni hanno così ripreso a viaggiare regolarmente poco dopo le 16,30. Nel corso dell’interruzione, comunque, é stato attivato un servizio sostitutivo con bus. Le testimonianze raccolte, in particolare a Vibo Valentia, la città in cui il terremoto é stato avvertito più distintamente, hanno fornito la prova della gravità, sia pure non estrema, di quanto é accaduto. «Sono stati secondi interminabili», ha detto un impiegato del Comune. E’ evidente che abbiamo avuto molta paura». «Il mio primo pensiero - ha commentato un genitore - è stato per i miei figli. Subito dopo il terremoto mi sono precipitato fuori dall’ufficio per andare a prenderli. Per fortuna, quando sono arrivato, i ragazzi erano già fuori, insieme alle insegnanti e alla dirigente».

I ringraziamenti di Occhiuto

"La situazione è sotto controllo», ha detto il Governatore della Calabria, Roberto Occhiuto, che ha ringraziato «tutta la macchina organizzativa regionale, la Protezione civile, le forze dell’ordine, i vigili del fuoco, i volontari e tutti coloro che hanno lavorato per garantire serenità e sicurezza ai calabresi».
Il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, da parte sua, in un tweet, si é detto «vicino alla comunità scolastica e alla popolazione calabrese».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook