Venerdì, 07 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Nuovi ospedali, il centrosinistra interroga Occhiuto: a che punto siamo?
SANITA'

Nuovi ospedali, il centrosinistra interroga Occhiuto: a che punto siamo?

L'interrogazione del capogruppo del Misto, Amalia Bruni, del capogruppo del Pd, Nicola Irto, e del capogruppo del Movimento 5 Stelle, Davide Tavernise
calabria, catanzaro, ospedale, piana di gioia tauro, sibaritide, vibo valentia, Calabria, Cronaca
Rendering del nuovo ospedale Sibaritide

Conoscere «il dettagliato programma dei lavori per singola concessione». Il centrosinistra calabrese rivolge un'interrogazione al presidente della Regione e commissario della sanità calabrese, Roberto Occhiuto, sulla realizzazione dei nuovi ospedali: a presentare l’interrogazione sono il capogruppo del Misto, Amalia Bruni, il capogruppo del Pd, Nicola Irto, e il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Davide Tavernise.

Nel testo, Bruni, Irto e Tavernise illustrano l’iter per la realizzazione dei nuovi ospedali, il cui inizio risale addirittura a 15 anni fa, al 6 dicembre del 2007 quando – spiegano gli esponenti del centrosinistra in Consiglio regionale – è stato stipulato un protocollo d’intesa tra il Ministero della Salute e la Regione Calabria per la realizzazione di nuovi ospedali: Sibaritide, Vibo Valentia, Piana di Gioia Tauro e Catanzaro. Il 13 dicembre 2007 di concerto con il Ministero della Salute, il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Regione Calabria viene sottoscritto l’accordo di programma integrativo 2007 per il settore degli investimenti sanitari per la realizzazione dei quattro nuovi ospedali (Catanzaro, Piana di Gioia Tauro, Sibaritide e Vibo Valentia) per un importo complessivo di 285.589.141,17 euro tra risorse statali e regionali. Nuovo ospedale della Sibaritide 77.000.000 euro; Complesso ospedaliero di Catanzaro 99.000.000 euro; nuovo ospedale di Vibo Valentia euro 43.589.141,77; nuovo ospedale della Piana di Gioia Tauro euro 66.000.000,00».

Dopo aver ricordato le varie vicissitudini che hanno fermato o rallentato l’iter per la costruzione degli ospedali (tra queste, la revoca dell’interdittiva antimafia alla Tecnis vincitrice dell’appalto per Gioia Tauro e Sibaritide, il rischio idrogeologico del sito individuato per l’opale di Vibo e la mancata integrazione tra gli ospedali che ha di fatto portato allo stralcio del nuovo presidio del capoluogo dall’Apq), Bruni, Irto e Tavrnise chiedono al governatore e commissario Occhiuto di sapere «il dettagliato programma dei lavori per singola concessione, se si è determinato nuovo fabbisogno finanziario alla luce delle tante interferenze verificatesi; se hanno verificato esserci le condizioni per concordare con le imprese concessionarie piani di attività, anche con più turni di lavorazioni, al fine di poter recuperare, sia pure in parte, i tempi di consegna delle opere e, in caso affermativo, se sono intenzionati a riferirne al consiglio regionale e alla commissione competente in termini di ricadute sulla qualità e l’appropriatezza degli interventi».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook