Giovedì, 27 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Precariato in Calabria, un “arcipelago” di vertenze sul tavolo del governatore
LAVORO

Precariato in Calabria, un “arcipelago” di vertenze sul tavolo del governatore

di
Leggi tampone nel corso degli anni hanno prodotto solo tante aspettative ma nessuna certezza

Da oltre un decennio, nell’intera regione esiste un arcipelago di uomini e donne legate da un stesso, identico tratto distintivo, la precarietà. Una precarietà lavorativa, che si riversa travolgente anche sotto l’aspetto esistenziale, che aspetta, o meglio sogna da tempo di arrivare alla tanto agognata stabilizzazione. Si parla di migliaia di persone, declinate ed identificate nelle tante sigle e numeri di leggi regionali, ormai istituzionalizzate e storicizzate nella precarietà, che proprio dal governo di questa regione aspettano una risposta. Uomini e donne che, di rinnovo in rinnovo, da molti anni, ormai, portano avanti una vertenza perenne per vedersi riconosciuta la contrattualizzazione, magari proprio presso quegli enti che li ha in utilizzo, e presso i quali la loro presenza è decisamente indispensabile.

Sono, ad esempio, i 74 lavoratori della legge 15/2008 di Vibo, assunti con un contratto a tempo determinato con Azienda Calabria Lavoro, incerti del loro futuro occupazionale dal 1 gennaio 2022. Ci sono poi gli oltre 600 lavoratori a sussidio sempre afferenti alla legge regionale 15/2008 che prestano la loro attività presso gli enti locali calabresi, per i quali si era pure giunti ad un preciso accordo circa la loro stabilizzazione utilizzando i benefici della Legge Regionale 29/2019, facendo quindi sì che un sussidio si trasformi in un contratto di lavoro vero e proprio.
E ancora i circa 200 lavoratori delle leggi regionali 31/2016 e 40/2014, da sommarsi ai 200 lavoratori della legge 12, precari che per anni hanno lavorato presso la Regione Calabria, la cui procedura di reclutamento e contrattualizzazione si è interrotta 5 anni. Più che numeri, persone, per le quali da subito il governo regionale è chiamato ad affrontare la questione, e cercare una soluzione tempestiva, quanto definitiva.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook