Mercoledì, 01 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Catanzaro, le ambulanze possono attendere il botulino invece no
ASSENTEISMO

Catanzaro, le ambulanze possono attendere il botulino invece no

di
I finanzieri hanno accertato che molti dei sanitari in malattia continuavano a svolgere attività in studi privati
118, assenteismo, Calabria, Cronaca
La Guardia di Finanza davanti al Tribunale di Catanzaro

Studi odontoiatrici, cliniche private e anche centri estetici, i medici del 118 avrebbero continuato a operare senza sosta nonostante le presunte patologie sofferte e il timore di contagiarsi con il Covid. Nelle chat dei sanitari del servizio di emergenza dell'Asp di Catanzaro emerge la “doppia vita” dei professionisti finiti sotto inchiesta con l'ipotesi di truffa. L'inchiesta Moliere, coordinata dal procuratore Nicola Gratteri, dall'aggiunto Giulia Pantano e dal sostituto Graziella Viscomi, ha portato al sequestro di beni per un totale di 46mila euro nei confronti di 13 medici. In particolare dagli atti raccolti dagli investigatori della Guardia di finanza è emerso come dopo aver presentato certificato medico per assentarsi dal servizio di 118, alcuni sanitari abbiano continuato a effettuare visite e prestazioni in strutture private. È il caso di un medico che si era messo in malattia presentando certificato per una bronchite. A prescindere dal fatto che la malattia risulta certificata dalla moglie dell'indagato, gli inquirenti sottolineano che il professionista ha svolto durante il periodo sopra indicato attività professionale privata come odontoiatra e medico estetico.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook