Mercoledì, 01 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Beni confiscati, la Calabria scende e viene superata dalla Campania
IL DOCUMENTO

Beni confiscati, la Calabria scende e viene superata dalla Campania

di
La relazione dell’Agenzia conferma la frenata di assegnazioni nel periodo Covid

Un esercito di 2.844 beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. Sono i numeri che confermando come anche nell’anno della pandemia il patrimonio immobiliare (e non solo) sottratto alla disponibilità della ’ndrangheta. La Calabria resta dietro solo alla Sicilia che addirittura supera i 7mila cespiti ma leggendo la relazione dell’Agenzia nazionale che in passato aveva la sede principale a Reggio viene superata dalla Campania per quelli che sono stati destinati agli enti territoriali. Dei 2844 beni a disposizione dell’Agenzia solo 164 sono stati venduti mentre per 115 è stato deciso il trattenimento al patrimonio dello Stato. In totale l’81% dei beni è stato destinato agli Enti territoriali, il 13% è stato mantenuto al patrimonio dello Stato per il soddisfacimento di esigenze delle Amministrazioni centrali mentre il 4% è stato venduto e il 2% reintegrato nel patrimonio di società confiscate.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook