Mercoledì, 01 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Un anno dopo la Calabria piange Jole Santelli, il primo presidente donna della Regione
IL RICORDO

Un anno dopo la Calabria piange Jole Santelli, il primo presidente donna della Regione

Un anno fa moriva Jole Santelli. Oggi la Calabria rende omaggio alla prima presidente donna della storia della Regione, scomparsa per un malore nella sua abitazione a Cosenza il 15 ottobre 2020. Era alla guida della Giunta calabrese da otto mesi, un periodo molto intenso che la presidente affrontò con grande coraggio visto che da anni lottava strenuamente contro un tumore.

Aveva 51 anni, in gran parte dedicati alla politica: a 25 anni, nel 1994, abbracciò il progetto di Forza Italia e di Silvio Berlusconi, a cui restò sempre fortemente legata. Santelli fu più volte parlamentare e più volte esponente di governo, in particolare sottosegretaria al ministero della Giustizia nel secondo e nel terzo governo Berlusconi e poi anche sottosegretaria al ministero del Lavoro nel governo Letta. Alla fine del 2019 l’ultima sua sfida, la corsa alla presidenza della Regione Calabria per il centrodestra: «Sono una candidata per caso, altri costruiscono questa candidatura ma per me è stato il fato, il destino», disse. Santelli, in realtà fu designata per superare l’impasse della coalizione di centrodestra alle prese con i veti incrociati.

A convincere Santelli a cimentarsi in una prova estremamente impegnativa e a mettere da parte i dubbi legati alle sue condizioni di salute fu Berlusconi in persona: «A lui devo tutto», ricordò. Il 26 gennaio 2020 fu eletta governatore con un largo consenso (il 55,2%, contro il 30,14% del suo principale competitor, l’imprenditore Pippo Callipo, candidato del centrosinistra). Prima presidente donna della Regione Calabria, confermò i tratti caratteristici della sua azione politica: l’anticonformismo, l’autonomia, che dimostrò nella scelta di alcuni assessori fuori dagli schemi, come il suo vice (e poi suo facente funzioni dal 15 ottobre 2020 in poi) Nino Spirlì, Sergio De Caprio, il «Capitano Ultimo» che arrestò Totò Riina, e l’astrofisica Sandra Savaglio.

Alla guida della Regione dovette affrontare le emergenze decennali della Calabria e dopo poco più di un mese anche la nuova grande emergenza del Covid 19, particolarmente preoccupante in una regione dalla sanità commissariata da anni e disastrata qual è quella calabrese. Con il governo giallorosso guidato da Giuseppe Conte la governatrice ebbe un rapporto franco e a tratti conflittuale: in tanti ricordano la dura polemica con Palazzo Chigi, dopo aver emesso un’ordinanza che riapriva bar e ristoranti all’aperto, un «braccio di ferro» finito davanti al Tar, che le avrebbe dato torto, ma che per settimane mise la Calabria tra i titoli di testa di tg e giornali nazionali. Del resto, un altro dei tratti distintivi di Santelli era la sua capacità di muoversi agevolmente sulla scena politica nazionale, vista la sua lunga presenza nel circuito parlamentare e governativo.

Il suo grande obiettivo era quello di far passare l’immagine di una Calabria «dai mille colori». Da qui i punti fondanti del suo programma, «Reputazione e identità». Un cammino tra mille ostacoli. Nei suoi otto mesi da presidente dovette smentire le dicerie sul suo stato di salute, avendo affrontato una lunga e orgogliosa lotta contro un tumore che iniziò a perseguitarla dall’autunno del 2014 e di cui non fece mai mistero. Molti i calabresi che vollero salutarla partecipando ai suoi funerali - ai quali fu presente anche l’allora premier Giuseppe Conte che si precipitò a Cosenza rientrando in Italia dall’estero - e alla camera ardente allestita alla Cittadella, la sede della Regione a Catanzaro, oggi a lei intitolata.

 

Nesci, Donna coraggiosa, sua scomparsa ferita ancora aperta

"Un anno fa ci lasciava Jole Santelli, donna forte e coraggiosa che si è sempre battuta per le sue idee. La sua improvvisa scomparsa ha scosso tutti ed è una ferita ancora aperta per la Calabria e le istituzioni. A lei e i suoi cari un pensiero commosso. Che la terra le sia lieve". Lo dichiara la Sottosegretaria per il Sud e la Coesione territoriale Dalila Nesci.

Magorno (IV): "Ha lasciato un segno profondo nel cuore di tutti i calabresi"

"Il 15 ottobre di un anno fa la Calabria era scossa dalla notizia della morte della Presidente Jole Santelli. Un pensiero commosso va a lei grande donna delle istituzioni che ha lasciato un segno profondo nel cuore di tutti i calabresi. Il grande lavoro di Jole Santelli è la base del rilancio della nostra regione".

Tallini: "La ricordo con commozione e gratitudine"

E’ passato un anno da quando un destino ingiusto e cattivo ha spezzato il sogno di una Calabria diversa, impersonato da una donna giovane e coraggiosa, leale e capace di sorridere alla vita anche nei momenti di maggiore difficoltà e di sofferenza. E’ durato troppo poco il sogno dell’unica donna che in 50 anni di regionalismo è arrivata a governare la Calabria. Ruolo che era stato sempre degli uomini. Ha governato lo spazio di un mattino, ma è stato uno spazio fondamentale per l’iniezione di entusiasmo e di novità che ha impresso, per il taglio con il passato che ha dato. Ha affrontato con il sorriso non solo la sua malattia, ma anche la tragedia della pandemia che ha gestito con autorevolezza.
Io la ricordo con commozione e gratitudine, ringraziandola per avermi donato la sua amicizia e la sua stima. Conservo come una reliquia il “ritratto” che mi ha dedicato sui social in occasione delle elezioni politiche del 2018, rileggo quelle parole e non so davvero se le meritavo. Mi ha definito “abilissimo stratega e raffinato tessitore politico” e poi “l’uomo a cui chiedere consiglio sempre perché la sua lucidità di analisi politica è praticamente infallibile”.
Abbiamo condiviso con Jole un percorso difficile, quello della ricostruzione di Forza Italia e del centrodestra dopo il terribile cappotto alle regionali del 2014. Ci ha sempre creduto ed ha lavorato con passione e garbo, con eleganza e fermezza, senza un filo di arroganza, garantendo a tutti i dirigenti il massimo dell’agibilità democratica. Ha puntato su Catanzaro e ricordo con gratitudine immensa l’alto onore che mi ha conferito nominandomi coordinatore provinciale. Da Catanzaro è partita la riscossa di Forza Italia e del centrodestra, con le vittorie al Comune Capoluogo e a Lamezia Terme, nonostante il Governo regionale fosse in mano al centrosinistra. Quando tutti scappavano o si nascondevano, Jole è rimasta sempre lì, cocciuta e fiduciosa nel rilancio del partito e del centrodestra.
E’ stata sempre lei a volermi alla Presidenza del Consiglio regionale della Calabria e di questo altissimo onore non posso che esserle grato per sempre. Quando in futuro verrà scritta la storia politica della Calabria, il nome di Jole Santelli giganteggerà e verrà inciso sul marmo, come merita la persona che aveva avviato una nuova primavera per la sua terra.

 

© Riproduzione riservata

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook