Mercoledì, 01 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Obbligo Green pass, situazione tranquilla alla Cittadella regionale di Catanzaro
IL PUNTO

Obbligo Green pass, situazione tranquilla alla Cittadella regionale di Catanzaro

"Al momento - ha spiegato Salvatore Lopresti, responsabile sicurezza e salute dei lavoratori e responsabile privacy - non risultano persone senza green pass o che hanno manifestato dissenso, anche perché la possibilità è triplice: green pass da guarigione, tampone o vaccino".
cittadella, obbligo green pass, regione calabria, Salvatore Lopresti, Sergio Tassone, Calabria, Cronaca
Cittadella regionale "Jole Santelli"

Si lavora con tranquillità alla Cittadella regionale di Catanzaro nel primo giorno di obbligatorietà del green pass. Il palazzo, sede della Giunta regionale della Calabria, ospita un punto vaccinale anti Covid che, negli ultimi giorni, ha segnato anche un incremento di adesione al vaccino proprio in vista della obbligatorietà del certificato verde.

"La Regione - ha detto Sergio Tassone, direttore generale dipartimento organizzazione e risorse umane - con la sua complessità, considerato che conta 4mila dipendenti dal Pollino allo Stretto, ha registrato una adesione alta, quindi il numero di persone senza green pass sarà ridotto». Chiunque dovesse essere sorpreso senza green pass, è stato spiegato, non sarà immediatamente sospeso ma se la situazione dovesse riproporsi per più giorni consecutivi allora scatterà la sospensione dal servizio e dagli emolumenti.

"Al momento - ha spiegato Salvatore Lopresti, responsabile sicurezza e salute dei lavoratori e responsabile privacy - non risultano persone senza green pass o che hanno manifestato dissenso, anche perché la possibilità è triplice: green pass da guarigione, tampone o vaccino".

In Calabria ogni sede della Regione ha un verificatore, ma il numero può variare a seconda della complessità dell’ufficio. A fare i controlli che sono quotidiani, possono essere i vari verificatori e il datore di lavoro Lopresti, delegato dal presidente della Regione. "Possono, oltre a quelli quotidiani, esserci, e ci sono - ha aggiunto Lopresti - controlli a campione per ogni ufficio".

Non esistono elenchi dei controlli effettuati sui quali appuntare nominativi o scadenze del certificato "verde", «il
motivo - ha chiarito il responsabile privacy - è legato proprio al trattamento dei dati personali che non possono essere appannaggio di tutti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook