Mercoledì, 08 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Autorità idrica Calabria: delineati due percorsi. Ma rimane l'incognita del gestore unico
PRIMO SCOGLIO

Autorità idrica Calabria: delineati due percorsi. Ma rimane l'incognita del gestore unico

di
I vertici Aic evidenziano comunque la straordinarietà delle competenze maturate da Sorical

«Il nodo Sorical non può bloccare l’avvio dell’Autorità idrica regionale». È quanto in sostanza si evince dai contenuti delle comunicazioni del presidente dell’assemblea Marcello Manna e dal direttore generale della stessa Aic, Francesco Viscomi, con il presidente facente funzioni della Regione Nino Spirlì. I vertici dell’Autorità idrica tornano ad indicare il percorso da seguire nell’ottica di una definitiva svolta del servizio idrico integrato. Il primo scoglio da superare, in tal senso, è l'assetto del gestore d’ambito al quale affidare la conduzione piena e definitiva del servizio secondo «parametri – sottolineano Manna e Viscomi – di efficacia, qualità tecnica ed efficienza determinati dagli Enti sovraordinati, tra i quali Arera, i diversi Ministeri coinvolti nel processo e la Comunità Europea». Le risorse finanziarie messe a disposizione dalla programmazione nazionale comunitaria 2021-2027 e dal Piano nazionale di ripresa e resilienza sono ingenti «e in quanto soggetti responsabili e competenti in materia, abbiamo l’obbligo e il dovere di procedere speditamente – sostengono i vertici dell’Aic – verso gli obiettivi successivi, che dovranno avere come scopo finale la creazione delle condizioni di accesso definitivo alle linee di finanziamento».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook