Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L’impatto devastante della pandemia sui piccoli ospedali della Calabria
CRISI

L’impatto devastante della pandemia sui piccoli ospedali della Calabria

di

L’impatto del Coronavirus ci restituisce una comunità più fragile. Gli ospedali territoriali fanno una fatica enorme a rispondere alle richieste di cura dell’utenza. Ci sono da contenere non soltanto le croniche e ataviche carenze dei vai reparti, ma anche quelle presenti in unità operative oggi divenute essenziali per l’aumento di quei problemi strettamente connessi al patogeno. Le UO di psichiatria a causa dell’aumento degli effetti psicologici e psichiatrici legati al Covid-19 sono oggi divenute indispensabili. Nonostante siano in crescita le richieste di cura in tutta la provincia ci sono solo tre reparti: a Cosenza, Corigliano e Cetraro. E quello di Cetraro è ancora chiuso. Nonostante le tante promesse di potenziamento la sanità territoriale si dibatte tra irrisolti e atavici problemi. Nel bel mezzo della lunga ed estenuante emergenza sanitaria in questo anno e mezzo nelle corsie degli ospedali rimangono in prima linea pochi sanitari.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook