Domenica, 17 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Cambi e addii, la Chiesa calabrese volta pagina
LE STRATEGIE

Cambi e addii, la Chiesa calabrese volta pagina

di
La rinuncia dell’arcivescovo di Catanzaro, Bertolone, apre la corsa per la presidenza della Cec
chiesa calabrese, vescovi, Calabria, Cronaca

La Chiesa calabrese è al centro di grandi movimenti interni. Un dato su tutti: negli ultimi due anni, sei Diocesi sulle undici che insistono sul territorio regionale - oltre all'Eparchia di Lungro - hanno cambiato guida. Nel 2019 è toccato alle comunità di Lamezia e Crotone-Santa Saverina accogliere i nuovi vescovi, rispettivamente Giuseppe Schillaci e Angelo Panzetta. Negli ultimi mesi, invece, è stato il turno di Fortunato Morrone (Reggio-Bova), Maurizio Aloise (Rossano-Cariati) e Attilio Nostro (Mileto-Nicotera-Tropea).

L'attesa adesso è tutta concentrata sul successore di monsignor Vincenzo Bertolone, che nei giorni scorsi ha lasciato il ruolo di arcivescovo di Catanzaro-Squillace. L'addio alla Calabria appena due mesi prima dal raggiungimento del limite d'età imposto ai prelati (75 anni), sta ancora facendo discutere. Bertolone, che è anche presidente della Conferenza episcopale calabra, è andato via parlando di “martirio a secco”, facendo intendere una situazione certo non serena all'interno della Curia catanzarese, attraversata da divisioni, sospetti e voci contrastanti. Motivazioni diverse, ma stesso clima, che soltanto qualche settimana prima aveva spinto monsignor Luigi Renzo a mollare l'incarico di vescovo della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, dopo una lunga stagione di controversie relative alla gestione della Fondazione Natuzza Evolo.

Non è dato sapere se le dimissioni di Renzo e Bertolone siano state indotte o “suggerite” dalle alte sfere vaticane. Certo è che la rinuncia all'incarico dei due vescovi è stata accolta da papa Francesco. Così come appare evidente come le ultime nomine - Morrone a Reggio e Nostro a Mileto - siano state deliberate con il gradimento del Santo Padre.

Sono dinamiche che, giocoforza, avranno il loro peso anche in sede di Conferenza episcopale calabrese. L'organismo che riunisce i vescovi sarà chiamato a eleggere un nuovo presidente dopo la partenza di Bertolone.

Leggi l'articolo completo  sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook