Venerdì, 24 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Centri per l’impiego in Calabria, assunzioni fantasma
LAVORO

Centri per l’impiego in Calabria, assunzioni fantasma

di
Nessun nuovo ingresso (sui 536 programmati) nelle 15 strutture calabresi nonostante i fondi stanziati dal governo
assunzioni fantasma, centri impiego calabria, Calabria, Cronaca
L'ingresso del Centro per l'impiego di Catanzaro

Il piano è ancora lettera morta: nessuna assunzione, delle 536 in programma, è stata realizzata nei 15 Centri per l'impiego calabresi. Nonostante i recenti annunci della Regione - al netto della tempistica sospetta, a ridosso della scadenza elettorale - sullo sblocco delle procedure, il rischio di mettere a repentaglio il rilancio delle politiche attive del lavoro è concreto. Eppure, per una volta, il problema non è relativo alla carenza di risorse. Quelle ci sono, inserite nel Recovery, che destina circa 5 miliardi per il potenziamento della rete dei Centri per l'impiego e il rilancio della politiche del lavoro. A decorrere dal 2021, ci sono 466 milioni annui per l'assunzione di oltre 11.000 persone, così da far crescere il plotone in servizio nei Cpi: dagli attuali 8.000 a circa 20.000 lavoratori. Eppure, nonostante i buoni propositi, il quadro delle assunzioni fa registrare enormi ritardi. Secondo l’ultimo monitoraggio del governo, su 11.600 nuovi ingressi previsti nel triennio 2019-2021, ne sono andati in porto 1.300. A quota zero, assieme alla Calabria dove alcuni Cpi sono inattivi da tempo, ci sono altre sei regioni.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook