Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Calabria, Abramo customer care: tavolo ministeriale il 5 agosto
LAVORO

Calabria, Abramo customer care: tavolo ministeriale il 5 agosto

I deputati del M5s Elisabetta Barbuto, Anna Laura Orrico e Paolo Parentela hanno annunciato la riunione dopo l'ultima asta andata deserta
abramo customer care, calabria, Calabria, Cronaca
La protesta dei lavoratori dell'Abramo Customer Care di Crotone

È stato convocato per il prossimo 5 agosto, alle ore 11, in videoconferenza con il ministero dello Sviluppo economico e il ministero del Lavoro, il tavolo di crisi sulla vicenda dell’Abramo customer care, l’azienda calabrese di call center che occupa circa 4 mila persone, gran parte delle quali in Calabria (1.200 solo a Crotone), ma anche nel Lazio e in Sicilia. Lo rendono noto i deputati del M5s Elisabetta Barbuto, Anna Laura Orrico e Paolo Parentela che avevano appunto scritto ai ministeri competenti per sollecitare la prosecuzione del tavolo di crisi la cui prima riunione si è svolta a maggio di quest’anno con la partecipazione non soltanto delle associazioni sindacali e dell’azienda Abramo, ma anche con la presenza dei rappresentanti del Comune di Crotone.
Una riunione che ora diventa ancora più impellente visto l’esito della gara per la vendita all’asta dell’azienda che è andata deserta. Per quanto attiene alla vicenda squisitamente giudiziaria - scrivono in proposito i parlamentari del M5s - allo stato non si possono che avanzare alcune ipotesi fra le quali, in primis, l’indizione di una nuova gara per l’aggiudicazione del complesso aziendale a prezzo base d’asta ridotto non prima di avere invitato la società a riparametrare il concordato ex art. 163 bis della legge fallimentare. Ma il Tribunale potrebbe, inoltre, considerare ancora valida l’offerta di Heritage sulla base della quale era stata avviata la procedura competitiva ai fini dell’aggiudicazione, mentre auspichiamo che l’ipotesi del fallimento sia remota e che vengano prioritariamente battute tutte le strade che consentano il salvataggio della azienda e la salvaguardia dei livelli occupazionali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook