Sabato, 23 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rifiuti, la Regione valuta di inviare fuori Calabria ben 10mila tonnellate
IL PROBLEMA

Rifiuti, la Regione valuta di inviare fuori Calabria ben 10mila tonnellate

di
L’emergenza senza fine del settore e l'ordinanza regionale ammette che tra luglio e settembre ciò possa avvenire

L’emergenza e il business, gli slogan e la realtà. Quando si parla di rifiuti, in Calabria, c’è sempre una duplice dimensione: una legata a ciò che succede nelle strade, l’altra relativa all'inadeguatezza della classe dirigente che si incrocia con l’interesse dei privati. La ricetta più facile è scaricare ogni colpa sulle comunità, bollate spesso come “nimby” (non nel mio cortile), ma la verità è che gli strumenti utilizzati a livello nazionale e regionale, per arrivare ai ritardi degli Ato, non hanno prodotto alcun risultato concreto, se non quello di bruciare una montagna di soldi per ritrovarsi con un’emergenza infinita. La situazione attuale lo conferma: dalla Cittadella, proprio partendo dal fatto che la discarica privata crotonese fosse stracolma, avevano ideato un “giro” di rifiuti che coinvolgeva Melicuccà, Lamezia, Cassano, San Giovanni in Fiore nonché altre regioni per la spazzatura reggina, ma alla fine sono stati costretti a tornare al punto di partenza, cioè a Crotone.

Nella recente ordinanza la Regione ammette che tra luglio e settembre potremmo portare fuori dalla Calabria 10mila tonnellate di rifiuti «a prezzi esorbitanti».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook