Lunedì, 20 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Calabria, demA contro Occhiuto: "Niente giochi politici sulla pelle dei tirocinanti"
LA NOTA

Calabria, demA contro Occhiuto: "Niente giochi politici sulla pelle dei tirocinanti"

Il movimento politico attacca il candidato regionale che, "dopo anni di totale silenzio e immobilismo abbia all’improvviso annunciato di aver trovato il tempo di occuparsi della cosa e i soldi per sistemare tutto"

Se la Calabria vivesse un’eterna campagna elettorale sarebbe probabilmente la Regione più sviluppata del mondo. Non è un caso dunque che il candidato di una delle destre più becere di sempre, dopo anni di totale silenzio e immobilismo sul tema dei tirocinanti precari della Pubblica Amministrazione, abbia all’improvviso annunciato di aver trovato il tempo di occuparsi della cosa e i soldi per sistemare tutto. Dunque, dopo averli visti come un fastidio quando sotto la Cittadella settimane fa, unico presente con loro il sindaco di Cinquefrondi e responsabile per il Mezzogiorno di demA, Michele Conia, oggi all’improvviso sono il pensiero più importante di Occhiuto e soci. Una vita di sfruttamento e di umiliazioni, precari con famiglie alle spalle e senza alcun futuro, dipendenti demansionati travestiti da tirocinanti e magicamente possono intravedere un futuro roseo.
Quando? Casualmente in campagna elettorale, continua demA Calabria: "Diffidiamo formalmente chiunque dallo sciacallaggio politico e dalla campagna elettorale sulla pelle dei tirocinanti calabresi. Si vergogni chi per decenni ha ricoperto cariche politiche e non ha mosso un dito per risolvere questi problemi, che ha trattato questi bacini di precarietà e sfruttamento come merce di scambio elettorale, che si ricorda dei problemi delle donne e uomini di Calabria solo qualche mese prima delle elezioni. Gente come Occhiuto, una vita in politica senza uno straccio di risultato anche minimo, che oggi sventola cifre e straparla di milioni trovati senza un minimo di ritegno.
Come demA Calabria continueremo, come abbiamo sempre fatto lontano dalle campagne elettorali perché abbiamo una dignità politica, a sostenere la lotta dei precari e tirocinanti calabresi, consci del fatto che la vertenza non si risolve con gli slogan e con i comunicati stampa ma con azioni concrete e con quella voglia di riscatto che vediamo tutti i giorni nella gente che parla con noi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook