Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Reggio, quel patto politico-mafioso dovrà essere valutato di nuovo
REALE 6

Reggio, quel patto politico-mafioso dovrà essere valutato di nuovo

di
Il processo torna in Corte d’Appello dopo il rinvio della Cassazione

«Alla difesa è stato precluso di contraddire in merito alla riferibilità “provinciale” del patto politico-mafioso, essendo stata modificata, nella parte motivazionale della sentenza, la contestazione dal punto di vista dell'organizzazione che aveva sottoscritto il patto in questione».
Per questo motivo la Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza d’appello del processo “Reale 6”, relativo alle posizioni di Santi Zappalà, ex consigliere regionale della Calabria, e per Giuseppe Antonio Mesiani Mazzacuva e Antonio Pelle (cl. 86) «per nuovo giudizio allo scopo di sanare il vizio motivazionale sopra rilevato e di consentire agli imputati di difendersi dalla specifica imputazione di avere partecipato a un patto politico-mafioso caratterizzato dalla promessa (e dazione) della somma di euro 100.000 in favore della “provincia” di ’ndrangheta reggina, nella circostanza rappresentata da Giuseppe Pelle, per l'appoggio elettorale fornito dall'organizzazione al candidato Zappalà, con la fattiva ed essenziale compartecipazione di Mesiani Mazzacuva e Antonio Pelle cl. 1986, emissari del vertice mafioso».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook