Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca 'Ndrangheta, processo Scott Rinascita: il procuratore Gratteri in aula attacca i periti
IL PROCESSO

'Ndrangheta, processo Scott Rinascita: il procuratore Gratteri in aula attacca i periti

di
Colpo di scena in udienza. Un consulente “beccato” al bar con un imputato agli arresti domiciliari

Periti nominati dal Tribunale che non depositano le trascrizioni ma nel frattempo prendono incarichi dagli avvocati degli imputati e addirittura il caso clamoroso di un perito “beccato” al bar con un imputato detenuto agli arresti domiciliari. È durissimo l’intervento del procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri al termine dell’udienza del maxi processo Scott Rinascita. Il capo della Dda ha ricostruito l’iter dall’affidamento dell’incarico dal settembre 2020 all’1 giugno scorso quando il Tribunale ha segnalato che il collegio peritale non stava seguendo l’ordine di deposito parziale delle trascrizioni così come era stato stabilito. Accade poi, racconta sempre Gratteri, che «un perito era seduto al tavolino del bar con il detenuto Mario Artusa. All’arrivo della dottoressa Frustaci il perito si è sollevato di scatto ed è scappato, si è allontanato velocemente mentre l’Artusa si è diretto verso il bar.

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook