Mercoledì, 04 Agosto 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Locri, l’omicida dell’avvocato Filippone non fu “provocato”
LA CASSAZIONE

Locri, l’omicida dell’avvocato Filippone non fu “provocato”

di
Le motivazioni sulla condanna di Antonio Sgrò a 17 anni e 4 mesi di reclusione per l’uccisione del nipote
omicidio avvocato Locri, antonio sgrò, Francesco Filippone, Calabria, Cronaca
Antonio Sgrò

«Ai fini della configurabilità dell'attenuante della provocazione occorrono tre diversi elementi costitutivi: lo “stato d’ira”, il “fatto ingiusto altrui” e un “rapporto di causalità psicologica” e non di mera occasionalità tra l’offesa e la reazione, indipendentemente dalla proporzionalità tra esse, sempre che sia riscontrabile una qualche adeguatezza tra l’una e l’altra condotta». È quanto scrivono, in sintesi, i giudici della Corte di Cassazione nelle motivazioni della sentenza con la quale hanno confermato la condanna d’appello per Antonio Sgrò a 17 anni e 4 mesi di reclusione per l’omicidio del nipote Francesco Filippone, avvocato penalista ucciso il 23 febbraio 2017 a Locri. I giudici della prima Sezione penale rilevano che «in presenza di reazioni spropositate ben può affermarsi che l’agente non abbia agito in preda ad uno stato d’ira, ma piuttosto in uno stato d’animo nel quale ormai erano definitivamente prevalsi il rancore e l’odio, in quanto tali incompatibili con l’attenuante della provocazione».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook