Sabato, 18 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Fatture per operazioni false, arrestati commercialisti. Operavano pure in Calabria
GUARDIA DI FINANZA

Fatture per operazioni false, arrestati commercialisti. Operavano pure in Calabria

commercialisti arrestati, guardia finanza, Calabria, Cronaca

Quindi milioni di fatture per operazioni inesistenti, un danno erariale di 3,2 milioni, aziende fittizie intestate a prestanome che avevano problemi di droga, gioco d’azzardo, fragilità psichiche. In questo quadro la Guardia di finanza di Savona ha eseguito cinque ordinanze di custodia, 4 in carcere e una ai domiciliari: tra loro ci sono alcuni commercialisti del ponente Savonese. I cinque, tutti italiani (tre uomini e due donne), tra i 47 e i 72 anni, avevano creato una rete, con base nella provincia di Savona, che operava in Liguria, Piemonte, Calabria e Veneto, ma anche all’estero. Sono 17 le persone complessivamente indagate, 16 le aziende coinvolte in Italia per reati tributari, cinque quelle all’estero, in Bulgaria e Gran Bretagna. È stata disposto il sequestro di beni per 3,2 milioni.

La Guardia di finanza ha ricostruito una imponente "frode carosello" nel settore della commercializzazione di prodotti informatici, basata sulla emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Il sistema di frode accertato, per gli anni d’imposta dal 2014 al 2019,si è basato sull'emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per circa 15 milioni di euro, con un danno diretto per l’Erario di oltre 3,2 milioni di euro. Nove delle imprese coinvolte sono risultate essere mere "cartiere", ovvero di recente costituzione, prive d struttura e/o sede e con un’operatività limitata nel tempo, caratterizzata dalla crescita esponenziale del volume d’affari, utilizzate con l’unico scopo di interporsi nei diversi passaggi commerciali, senza alcuna finalità economica, ostacolando così la ricostruzione delle filiere illecite e vanificando le pretese erariali. Le stesse ditte individuali venivano intestate a «prestanome», ricercati tra persone problematiche, quasi tutte con difficoltà legate alla dipendenza da sostanze stupefacenti, da gioco d’azzardo o comunque in condizioni psico-fisiche precarie. In realtà erano gli odierni arrestati a gestire di fatto le imprese, anche sotto il profilo bancario e finanziario. Attraverso il meccanismo fraudolento, le società effettivamente beneficiarie della frode, in tutto tre, ubicate nel ponente savonese, hanno potuto usufruire di un duplice vantaggio, di natura concorrenziale e fiscale: acquistavano beni a prezzi inferiori rispetto a quelli di mercato perché non pagavano Iva con i "fornitori - cariera" e detraevano illegalmente l’iva riferita all’acquisto della merce. Il gruppo agiva anche con un altro sistema fraudolento: le stesse società cartiere, dichiarandosi "esportatori abituali", riuscivano ad acquistare beni in sospensione d’imposta, che poi venivano acquistati dalle medesime imprese beneficiarie a prezzi concorrenziali. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook