Martedì, 15 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Borgia, Recovery: i sindaci del Sud intendono fermare lo “scippo” di risorse
L'INCONTRO

Borgia, Recovery: i sindaci del Sud intendono fermare lo “scippo” di risorse

di
In Calabria, nel Catanzarese, la prima assemblea della Rete. Pronta una petizione da inviare a Bruxelles

Per la prima volta i sindaci del Sud fanno rete per rivendicare a livello nazionale i diritti e i bisogni dei propri territori, determinati a contestare a voce alta le disparità del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Sono 526 i primi cittadini del Mezzogiorno che hanno già aderito alla rete “Recovery Sud” per reagire concretamente contro lo “scippo” di almeno 60 miliardi ai danni del Mezzogiorno nella ripartizione dei fondi del Recovery Plan, approvata dal Parlamento con il Pnrr.

Dopo un primo incontro a Napoli, il 25 aprile scorso, una rappresentanza dei sindaci che hanno aderito alla rete, nata da un’intuizione del primo cittadino di Acquaviva delle Fonti Davide Carlucci, si è ritrovata a Borgia, nel Catanzarese, per serrare i ranghi e delineare le prossime mosse di una battaglia contro un Piano che disattenderebbe i parametri stessi fissati dall’Europa quali criteri per la ripartizione dei fondi, finalizzati a incentivare la coesione interna e ad annullare il divario fra le aree più progredite e quelle più marginalizzate, come il Sud Italia.

Leggi larticolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Catanzaro

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook