Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Vax Day" in Calabria fino al 4 maggio: 16mila dosi il primo giorno. Le fasce d'età e le categorie
LA CAMPAGNA

"Vax Day" in Calabria fino al 4 maggio: 16mila dosi il primo giorno. Le fasce d'età e le categorie

Dopo il “Vax Day” con oltre 35 mila dosi di vaccino somministrate, la Calabria mette la quarta. Sono quattro, infatti, come le foglie di un quadrifoglio, le giornate promosse dalla Regione Calabria, dal Commissario ad acta per la sanità, Protezione Civile, Difesa e Croce rossa.

Il quadrifoglio è stato scelto come simbolo dell'iniziativa perché ad ogni foglia è associato un significato preciso: fiducia (di ritornare presto alla normalità), fede (nel ritenere che l’unica via per uscire dalla pandemia sia la vaccinazione), amore (vaccinarsi è un atto d’amore verso se stessi e gli altri) e fortuna (affinché questa circostanza possa attirare solo cose belle ed energie positive).

Ieri, 1° maggio, nella prima giornata di vaccini sono state circa 16 mila le dosi inoculate. La campagna si concluderà il 4 maggio, fata finale scelta non a caso ma proposta, come messaggio di speranza per tutti i calabresi, durante l'ultima seduta del Consiglio regionale, essendo il giorno in cui si festeggia San Francesco di Paola nell'omonimo comune, protettore della Calabria.

La decisione è stata comunicata ai responsabili di tutte le Asp delle province calabresi durante una riunione svoltasi alla presenza del commissario Guido Longo, del dirigente generale della Protezione civile regionale, Fortunato Varone, di Caterina De Filippo dell’Unità di crisi regionale.

21 i punti vaccinali in tutta la regione

Attivi i punti vaccinali di Corigliano RossanoCirò MarinaCrotoneMesoraca (interno)Catanzaro LidoSoveratoSidernoReggio Calabria (Gom)Reggio Calabria (Tommaso Campanella)Reggio Calabria (Polizia)TaurianovaRicadiVibo ValentiaBis Vibo ValentiaSerra San Bruno (interno)Lamezia TermeSoveria Mannelli (interno)Cosenza (ospedale militare)Parco acquatico Rende (interno), Paola (ospedale), Castrovillari.

Categorie ed info utili

I punti vaccinali dislocati su tutto il territorio apriranno, dalle ore 9 alle ore 22, agli over 80, soggetti fragili, persone dai 60 ai 79 anni di età, insegnanti di ogni ordine e grado e caregiver. Agli over 80 e ai soggetti fragili sarà somministrato il vaccino Pfizer mentre, a tutti gli altri il siero Astrazeneca, salvo incompatibilità risultanti in fase di anamnesi.Per prenotarsi, si può chiamare o mandare un sms al numero verde 800.00.99.66 o sulla piattaforma www.prenotazioni.vaccinicovid.gov.it.Inoltre, dal 29 aprile è attivo un numero regionale 0961 789775 (operativo da lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17, sabato dalle ore 9 alle ore 13, festivi esclusi) per chiedere informazioni, comunicare disagi ai quali gli operatori cercheranno di dare risposte o soluzione in tempi rapidi.Si ricorda che, per evitare la diffusione di informazioni non corrette, occorre fare riferimento alle ordinanze del commissario Figliuolo, ai comunicati ufficiali della Regione Calabria e della Protezione civile, consultabili anche su  www.rcovid19.it.

Obiettivo 30mila dosi al giorno

"Lo scorso weekend – afferma Varone – i calabresi hanno risposto molto bene all'iniziativa. Abbiamo registrato numeri importanti che fanno bene alla sanità calabrese. Vogliamo continuare a dare un'accelerata alla vaccinazione e puntiamo a raggiungere le 30 mila dosi al giorno. Chiediamo la collaborazione di tutti e il rispetto delle procedure. Da domani, giovedì 29 aprile sarà attivo un numero regionale – 0961 789775 (operativo da lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 17, sabato dalle ore 9 alle ore 13, festivi esclusi) - per chiedere informazioni, comunicare disagi ai quali gli operatori cercheranno di dare risposte o soluzione in tempi rapidi. Ricordiamo che è obbligatorio prenotarsi sulla piattaforma per evitare disagi e assembramenti e per far lavorare in serenità ed efficienza il personale. Inoltre, l'utilizzo della piattaforma serve per organizzare al meglio il servizio di somministrazione perché i centri vaccinali devono sapere quante persone arriveranno e a che ora, anche per un corretto scongelamento ed utilizzo delle dosi a disposizione".

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook