Giovedì, 24 Giugno 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Il corto della discordia, la Regione Calabria paga
LA VERTENZA

Il corto della discordia, la Regione Calabria paga

di
La Cittadella sborserà oltre 1,2 milioni: vincono Muccino e la Viola Film

Un cortometraggio di 8 minuti si è trasformato in una telenovela lunga 6 mesi. E il finale non è forse proprio lieto né per gli inquilini dei piani alti della Cittadella né per tanti calabresi che hanno contestato i colori artificiosi, i congiuntivi mancati e gli stereotipi ripetuti in “Calabria, terra mia”, l’opera «artistica audiovisiva del maestro Gabriele Muccino» costata - ora il dato è ufficiale e definitivo - ben 1,25 milioni di euro. Soldi pubblici, tanti, che la Regione ha accettato di versare dopo aver provato a contestare alla Viola Film S.r.l. l’inosservanza di alcune clausole contrattuali. Il tentativo non pare sia andato a buon fine visto che, dopo «una fitta corrispondenza», si è arrivati a una proposta di definizione transattiva della «potenziale controversia» avanzata dalla società, che si è dichiarata disponibile a rinunciare alla propria remunerazione (89mila euro su un appalto di 1,36 milioni). La Regione alla fine ha accettato di pagare attraverso un decreto del dipartimento Segretariato generale (U.o.a. Promozione della Calabria e dei suoi asset strategici - spettacoli e grandi eventi) che ripercorre tutta la vicenda. Il corto, con protagonisti Raul Bova e Rocho Muñoz Morales, è stato presentato la sera del 20 ottobre 2020 alla Festa del cinema di Roma.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook