Venerdì, 14 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Da “Scarazze” di Cutro alla Lombardia. La legge del boss (pentito) Grande Aracri
L'EGEMONIA

Da “Scarazze” di Cutro alla Lombardia. La legge del boss (pentito) Grande Aracri

di
Le inchieste Kyterion, Aemilia e Pesci hanno rivelato lo spessore di “mano di gomma”
Nicolino Grande Aracri, Calabria, Cronaca
Il boss nel 2013 fu arrestato e ha lasciato la sua casa di Scarazze

«Da Sibari a Vibo Valentia le portiamo noi». Così parlò Nicolino Grande Aracri, rivolgendosi a un sodale di Botricello. Era il 25 dicembre del 2012 e il boss che da un mese circa, collabora con i magistrati dell’ufficio di Procura guidato da Nicola Gratteri, si sentiva al sicuro nella sua tavernetta di “Scarazze” alla periferia di Cutro. Un fortino blindato che venne però abilmente violato dai Carabinieri che piazzarono microspie ovunque. Quel colloquio che è agli atti dell’inchiesta “Kyterion”, confermò il peso specifico raggiunto dalla locale di Cutro guidata da “Mano di gomma”, nell’ambito delle geografia della ’ndrangheta. Parole non millantate secondo i magistrati della Dda, ma confermate tra gli altri, da un pentito di primo piano della criminalità organizzata calabrese: Giuseppe Giampà, di Lamezia Terme, figlio di Francesco detto il “professore” capobastone storico del clan della piana lametina.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook