Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, la Calabria entra nello scenario 3. Rt a 1.37: si avvicina la zona rossa
CORONAVIRUS

Coronavirus, la Calabria entra nello scenario 3. Rt a 1.37: si avvicina la zona rossa

Tredici Regioni/PPAA hanno un Rt puntuale maggiore di uno. Tra queste, una Regione (Valle d’Aosta) ha un Rt con il limite inferiore maggiore di 1,5 compatibile con uno scenario di tipo 4. La Calabria ha un Rt con il limite inferiore maggiore di 1,25, compatibile con uno scenario di tipo 3. Otto Regioni hanno un Rt nel limite
inferiore compatibile con uno scenario di tipo 2.

Le altre Regioni/PPAA hanno un Rt compatibile con uno scenario di tipo uno. Lo evidenzia il monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute.

Si osserva un miglioramento complessivo del rischio, sebbene complessivamente ancora alto. Così nel report settimanale della Cabina di Regia l’Iss analizza la situazione delle Regioni italiane. Cinque di queste (Friuli Venezia-Giulia, Lazio, Piemonte, Puglia e Toscana) «hanno un livello di rischio alto secondo il DM del 30 aprile 2020». «Tredici Regioni/Province autonome hanno una classificazione di rischio moderato (di cui dieci ad alta probabilità di progressione a rischio alto nelle prossime settimane) - si legge nel report - e tre hanno una classificazione di rischio basso (Basilicata, Campania, e la Provincia Autonoma di Bolzano)».

Rt a 1.37 in Calabria. Il secondo più alto in Italia

Sono 13 le Regioni in cui si registra un Rt sopra 1, il valore più alto in Valle d’Aosta a 1,75; il più basso nella provincia autonoma di Bolzano a 0,78. Sono i valori indicati nel Monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità e del Ministero della Salute, al 24 marzo 2021, e relativi alla settimana 15 marzo - 21 marzo 2021. Oltre alla Valle d’Aosta, l’Rt più alto si registra in Calabria (1,37) Veneto e Friuli Venezia Giulia (entrambe a 1,23). Sotto il valore soglia di 1, oltre alla PA di Bolzano, ci sono Abruzzo (0,87), Basilicata (0,95), Umbria (0,97), Emilia Romagna (0,98),
Lazio e Sicilia (entrambe a 0,99). La Liguria ha un Rt a 1.

Ecco la lista delle Regioni e del relativo Rt puntuale:
Abruzzo 0,87
Basilicata 0,95
Calabria 1,37
Campania 1,05
Emilia Romagna 0,98
FVG 1,23
Lazio 0,99
Liguria 1
Lombardia 1,08
Marche 1,15
Molise 1,17
Piemonte 1,17
PA Bolzano 0,78
PA Trento 1,02
Puglia 1,17
Sardegna 1,03
Sicilia 0,99
Toscana 1,1
Umbria 0,97
Valle d’Aosta 1,75
Veneto 1,23

Lo scenario 3

Lo scenario 3 riguarda valori di Rt regionali “prevalentemente e significativamente compresi tra Rt=1,25 e Rt=1,5 (ovvero con stime IC 95% di Rt comprese tra 1,25 e 1,5), e in cui si riesca a limitare solo modestamente il potenziale di trasmissione di SARS-CoV-2 con misure di contenimento/mitigazione ordinarie e straordinarie”.

Si evidenzia che un’epidemia con queste caratteristiche di trasmissibilità “dovrebbe essere caratterizzata da una più rapida crescita dell’incidenza di casi rispetto allo scenario 2, mancata capacità di tenere traccia delle catene di trasmissione e iniziali segnali di sovraccarico dei servizi assistenziali in seguito all’aumento di casi ad elevata gravità clinica (con aumento dei tassi di occupazione dei posti letto ospedalieri - area critica e non critica) riconducibile ad un livello di rischio elevato o molto elevato in base al sistema di monitoraggio rilevato ai sensi del DM Salute del 30 aprile 2020. La crescita del numero di casi potrebbe comportare un sovraccarico dei servizi assistenziali entro 2-3 mesi”.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook