Lunedì, 25 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Quello zaino smarrito era di Daniele Silvestri, la storia del giovane calabrese che lo ha ritrovato
LA CURIOSITA'

Quello zaino smarrito era di Daniele Silvestri, la storia del giovane calabrese che lo ha ritrovato

di
Un giovane calabrese, Giuseppe Mandaglio, lo ha trovato e restituito. Il cantautore, disperato, aveva pubblicato un appello: c’erano hard disk e testi di canzoni
Daniele Silvestri, Calabria, Cronaca
Daniele Silvestri e Giuseppe Mandaglio

La gentilezza e il senso civico hanno fatto accendere i riflettori della notorietà su Giuseppe Mandaglio, giovane cittanovese che vive da parecchi anni in Toscana. Il ritrovamento di uno zainetto smarrito lungo la strada che porta a San Casciano lo ha subito indotto a cercare il proprietario per poterlo restituire. La sorpresa è stata tanta quanto ha capito che lo zaino apparteneva a Daniele Silvestri.
Il cantautore romano aveva già lanciato sui social un appello: quello zaino conteneva un computer, tre hard disk, quaderni con testi di canzoni e altri effetti personali di valore e le ricerche affannose fatte sulla strada percorsa per trovarlo non erano andate a buon fine. Rimaneva il web, per una accorata richiesta di aiuto: «Mi rivolgo alla rete – ha scritto l’artista – nella speranza che chiunque lo abbia trovato si sia reso conto del danno, non solo economico, ma soprattutto professionale e personale che una tale perdita comporta e che stia cercando di risalire al proprietario».
Una speranza che ben presto si è avverata, liberando il cantautore dall’incubo: Giuseppe infatti è riuscito a rintracciarlo e a restituirgli personalmente il prezioso zainetto. Silvestri ha voluto immortalare l’incontro in un selfie con quello che ha definito il suo salvatore e aggiornando il profilo web ha sottolineato: «Come ho sempre sperato e pensato, di brave persone ce ne sono. Giuseppe è una bellissima persona con una splendida famiglia. È un calabrese doc trapiantato nella Tuscia, volontario della protezione civile. Spero il tempo ci renda amici veri».
Un incontro che si è concluso con un arrivederci: «Non mi devi ringraziare – il saluto di Giuseppe Mandaglio – grazie a te per la bella persona che sei. Speriamo di poterci incontrare in momenti più sereni».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook