Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Precari ex Legge 12, Persico (Cisal): “Siamo ad un bivio”
STABILIZZAZIONE

Precari ex Legge 12, Persico (Cisal): “Siamo ad un bivio”

«Questa procedura non ha nessun lato nascosto o poco chiaro. Si tratta di una applicazione del D.lgs. 101/2013 e della Legge Madia»
precari ex legge 12, stabilizzazione, Gianluca Persico, Calabria, Cronaca
Gianluca Persico della segretaria regionale della Cisal Calabria

«Siamo di fronte ad un bivio, ora o dite chiaramente che non è legale quello che stavate per portare in Consiglio Regionale e fate un passo indietro, avallando le ragioni di chi vi ha scoperto, o tirate fuori gli attributi, tutti, politica e parti sociali e andiamo avanti, dimostrando la piena trasparenza di quello che si sta facendo per chiudere l’ultima fetta di precariato rimasta in Calabria». Lo ha affermato Gianluca Persico, della  segreteria regionale Cisal, in merito al percorso di stabilizzazione dei lavoratori ex Legge 12.

«Mi ero ripromesso di tenere un profilo basso, per evitare ulteriori polemiche sollevate ad arte e con un tempismo perfetto, rispetto alla vicenda legata ai lavoratori ex Legge 12, ma dopo tutte le allusioni e le imprecisioni dette, su questo bacino di precari, l’ultimo bacino di lavoratori precari rimasto, non riesco veramente più a stare zitto. Come al solito, mi assumo la piena responsabilità di quello che dico, scrivo o firmo. Sottolineo quest’ultimo passaggio, perché nelle tante esternazioni di questi ultimi giorni, articoli, comunicati stampa, ho letto tutto e il contrario di tutto». Persico, per fare chiarezza, ha ribadito che «questa procedura non ha nessun lato nascosto o poco chiaro. Si tratta di una applicazione del D.lgs. 101/2013 e della Legge Madia, alla quale sono susseguite una legge regionale nel 2014 "Indirizzi volti a favorire il superamento del precariato", una interpretazione autentica sempre nel 2014, oltre a tutti i decreti pubblici di elenchi, posti sotto la lente di ingrandimento, tre volte da enti diversi, persino l’Agenzia delle Entrate, in ultimo il Tar Calabria. Se qualcosa non era troppo chiara, non erano gli enti preposti a dover sollevare l’eventuale problematica? Non hanno più mezzi di quelli che può "ricevere" un giornale nazionale in cui, guarda caso, in 7 anni non ho letto un solo articolo di sollecitazione per sbloccare questa vertenza, mentre oggi si scatena e vuole vederci chiaro».

Secondo Persico «tutto questo scoppia dopo l’ultima riunione dei capigruppo, che finalmente sblocca un percorso fermo da 7 lunghi anni, si potrebbe scrivere anche allora contro i comuni che hanno stabilizzato gli Lsu, contro il Ministero che stabilizza i docenti! A voler pensare male, potrei anche pensare che qualcuno non voglia portare a termine il procedimento e stia fomentando l’opinione pubblica per suscitare tanto clamore e per non fare avere meriti a chi, maggioranza e opposizione, in questo momento, dovrebbero avere il coraggio di non farsi intimidire da un articolo e passare per quello che è stato beccato con le mani nella marmellata, ma tiri fuori gli attributi e completi questo iter una volta per tutte.

Altrimenti si che anche io dubiterei che un giornale nazionale ha scoperchiato l’ennesimo malaffare che si stava perpetrando in Calabria. Assumetevi dunque tutti il coraggio di fare delle scelte, così come io mi sono assunto le mie, firmando verbali in tutte le riunioni fatte in questi anni, per la vicenda di questi lavoratori, senza rimpalli di responsabilità tra tizio e caio, ognuno per le proprie responsabilità, faccia il suo lavoro».

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook