Lunedì, 08 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca "Basso profilo", Sposato (Cgil Calabria): "Ennesima conferma di un sistema corrotto"
"CASO CALABRIA"

"Basso profilo", Sposato (Cgil Calabria): "Ennesima conferma di un sistema corrotto"

"La 'ndrangheta, ci dicono le inchieste a livello nazionale ed internazionale, ha adottato un sistema di interlocuzioni e corruzioni con apparati istituzionali, della burocrazia, infiltrando settori della vita pubblica e condizionando i mercati internazionali"
basso profilo, Calabria, Cronaca
Angelo Sposato, segretario generale Cgil Calabria
Sugli esiti dell'operazione condotta dalla procura di Catanzaro, interviene il segretario generale della CGIL Calabria Angelo Sposato che, con un post sui suoi canali social, commenta così l'accaduto.
"L’operazione “Basso profilo” condotta dalla Procura di Catanzaro è l’ennesima conferma di un sistema perverso e gelatinoso di corruzione tra ndrangheta, massoneria, colletti bianchi, mondo delle professioni e delle imprese, politica. La ndrangheta, ci dicono le inchieste a livello nazionale ed internazionale, ha adottato un sistema di interlocuzioni e corruzioni con apparati istituzionali, della burocrazia, infiltrando larga parte dei settori della vita pubblica e acquisendo, con proventi illeciti, aziende, appalti, forniture, condizionando settori nei mercati internazionali.
È preoccupante l’immobilismo, il silenzio grave della politica nazionale e regionale, dei partiti su quello che oramai si può considerare 'il caso Calabria'. Una Regione che pare non interessi più a nessuno, senza una guida politica, con un ex Presidente del Consiglio regionale e l’assessore al bilancio indagati, con molti comuni sciolti per infiltrazioni mafiose, nel silenzio più assoluto di un consiglio regionale sciolto che pensa solo a fare nomine e prorogare la propria sopravvivenza riunendosi una volta al mese per interessi personali, cercando di spostare ulteriormente la data del voto. Tutto ciò è vergognoso. La Calabria soffre una crisi profonda, acutizzata dal Covid, lavoratori in piazza tutti i giorni, imprese alla disperazione, famiglie allo stremo, c’è una rabbia sociale latente, e questi sembrano i suonatori sul Titanic".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook