Sabato, 06 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ardore, contagi dopo una festa privata. Il sindaco: c’erano anche amministratori
CORONAVIRUS

Ardore, contagi dopo una festa privata. Il sindaco: c’erano anche amministratori

di
Scoppia un caso nella Locride: il primo cittadino bacchetta i partecipanti, a cominciare da alcuni rappresentanti del Comune
amministratori, ardone, contagi, coronavirus, festa privata, Giuseppe Campisi, Calabria, Cronaca
Il sindaco di Ardore Giuseppe Campisi

In piena pandemia da Covid-19 c’è chi non rispetta le regole e presenzia a feste private, con il rischio di alimentare il diffondersi del virus. Avviene anche ad Ardore, dove ai privati cittadini si sono però aggiunti degli amministratori comunali. Il caso è stato denunciato dal sindaco Giuseppe Campisi, che riveste anche il ruolo di presidente del Comitato dei sindaci della Locride, e che ha immediatamente disapprovato quando accaduto: «Mi corre l’obbligo di stigmatizzare negativamente non solo il comportamento dei partecipanti che hanno contravvenuto alla raccomandazione di evitare assembramenti, onde evitare il diffondersi del virus, ma di sottolineare la responsabilità di coloro che hanno organizzato e partecipato. Voglio esprimere inoltre – ha aggiunto il sindaco – tutta la mia amarezza nell’apprendere che direttamente o indirettamente hanno partecipato esponenti della mia amministrazione a tale assembramento, ai quali ho già espresso personalmente tutta la mia contrarietà ed imbarazzo come Istituzioni».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook