Martedì, 28 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Calabria, i narcotrafficanti delle ‘ndrine alla conquista del Costarica
L'APPROFONDIMENTO

Calabria, i narcotrafficanti delle ‘ndrine alla conquista del Costarica

di
Le inchieste dell’Fbi e dello Sco italiano, l’informatore assassinato ed i carichi di cocaina in partenza dal porto di Limon
cocaina, colombia, Franco D’Agapiti, Calabria, Cronaca
La cocaina arriva in Italia direttamente dalla Colombia

“Mister Greg”, l’informatore dell’Fbi e il grande porto di Limon trasformato in Costarica nel principale centro di stoccaggio della droga colombiana. Nel luglio scorso, la polizia costaricana in collaborazione con il Servizio centrale operativo italiano ha arrestato Franco D’Agapiti, comproprietario dell’Hotel Casino “Amapola” di San Josè che si era stabilito da tempo nel paese americano e fungeva da punto di riferimento per gli esponenti della ‘ndrangheta. D’Agapiti, originario di Nettuno (Roma) era in contatto con i narcotrafficanti della mafia calabrese ed era già finito a metà degli anni 90 al centro dell’inchiesta “Tridente” che ricostruiva una vasta commercializzazione di droga nell’area laziale. Il suo arresto, 25 anni dopo, ha confermato l’esistenza d’infiltrazioni dei picciotti calabri nel Costarica. Una infiltrazione emersa in modo evidente per effetto di due operazioni, condotte tra il maggio e l’ottobre del 2015 dagli investigatori della Polizia di Stato e del Bureau statunitense.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Cosenza

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook