Mercoledì, 27 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus in Calabria, l'allarme di Caruso: "A gennaio potrebbe scoppiare l’inferno"
VIROLOGIA

Coronavirus in Calabria, l'allarme di Caruso: "A gennaio potrebbe scoppiare l’inferno"

di
L’allarme lanciato dallo scienziato cosentino Arnaldo Caruso
coronavirus, misure restrittive, vaccino, Arnaldo Caruso, Calabria, Cronaca
Il virologo cosentino Arnaldo Caruso

Un pericolo incombente. E una buona notizia. Il professore Arnaldo Caruso presiede la Società Italiana di Virologia Medica. E conosce e lotta contro il Covid da mesi come tutti gli scienziati del suo livello sparsi per il mondo. Partiamo dal vaccino contro il coronavirus: è sicuro e darà buoni risultati? «Il vaccino è efficace e sicuro» risponde il prof. Caruso «è una scoperta meravigliosa per la Scienza, da Premio Nobel. Produrrà pochi effetti collaterali e ci libererà del problema della pandemia». E questa è davvero una buona notizia. «Significa» aggiunge lo scienziato «che inizierà in gennaio una vaccinazione che entro l’estate si concluderà con tutte le categorie a rischio già protette».

Ma qual è il rischio che corriamo?

«A gennaio e febbraio potremmo ritrovarci di nuovo con gli ospedali pieni di pazienti e non essere in grado di procedere all’annunciata vaccinazione contro il Covid. Per evitare questo tipo di scenario occorre bloccare tutto come è stato fatto in Germania dove, tuttavia, i dati non sono come i nostri. In Italia la mortalità è più alta e le infezioni non scendono di livello. Occorre dunque essere rigidi altrimenti rischiamo a gennaio di non poter procedere alla campagna vaccinale».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook