Martedì, 26 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Calabria, migliaia di ristoranti rischiano di finire in mani sbagliate
ALLARME

Calabria, migliaia di ristoranti rischiano di finire in mani sbagliate

di
L’agenzia Cerved ha valutato la crisi generata dalla pandemia. Cosche pronte a investire e riciclare
'ndrangheta, allarme infiltrazioni, coronavirus, economia, ristoranti, Antonio Nicaso, Calabria, Cronaca
Antonio Nicaso è professore di Storia delle criminalità nelle università americane

Una tragica... opportunità. La pandemia da Covid-19 non ha solo prodotto conseguenze sulla salute ma pure sull’economia degli italiani. Il coronavirus oltre a seminare morte e contagi, ha determinato un generale impoverimento, favorendo l’ingresso nel mercato della cosiddetta finanza illegale. E non può essere un caso che il procuratore distrettuale di Catanzaro, Nicola Gratteri, l’abbia segnalato già in ottobre lasciando molti osservatori increduli. E dopo Gratteri lo stesso allarme l’ha lanciato il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho. La questione è dunque più che seria. Il Cerved stima quello della ristorazione come uno dei settori più colpiti con circa 15mila ristoranti, il 150% in più di prima, che rischiano infiltrazioni criminali a causa di una situazione di fragilità finanziaria. L’Agenzia milanese di analisi e ricerca, indica in 9mila i ristoranti resi vulnerabili dalle restrizioni legate all’emergenza sanitaria, che si aggiungono ai circa 6.000 già presenti e in crisi prima dell’offensiva del virus. In cifra assoluta, secondo i numeri di Cerved, i ristoranti oggi a rischio si trovano soprattutto nel Lazio (2.116), in Lombardia (1.370) e in Campania (1.098), mentre in percentuale le regioni più colpite sono Calabria (40%) e Sicilia (38%), dove maggiori appaiono le infiltrazioni di ‘ndrangheta e cosa nostra. Spiega lo scrittore italo-canadese Antonio Nicaso, professore di Storia delle criminalità nelle università americane: «Siamo di fronte a una sorta di doping economico e gli ‘ndranghetisti, forti della loro disponibilità di denaro, hanno elaborato mille strategie per riciclare ricchezze e infiltrarsi nella economia legale».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook