Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

Coronavirus a Cosenza, otto giorni senza dormire per scampare alla morte

La drammatica testimonianza del medico Antonello Scalzo contagiato dal virus a Cosenza. È componente della task-force anticovid

Il vicecoordinatore della task-force sul coronavirus, Antonello Scalzo

Il virus, la fine vicina e... la rinascita. «È stata una prova terrificante. Pensavo di essere destinato alla morte: per otto giorni sono rimasto con un filo di aria, attaccato alla vita, sotto quel casco che m’inondava d’ossigeno. Capivo da medico che non ce l’avrei fatta. Stavo morendo, i miei polmoni erano compromessi per più del 70 per cento ed io lo sapevo... Sapevo di essere ormai dentro una bara... era solo questione di tempo. Non ho mai dormito per continuare a respirare: mai! Neppure un minuto. Mi facevo aiutare dai colleghi e dagli infermieri, non volevo chiudere gli occhi. È stato così per otto interminabili giorni vissuti in terapia intensiva»: Antonello Scalzo, è il vice coordinatore della Task Force che si occupa della lotta al Covid 19 nell’Alta Calabria. Nel suo ruolo ha eseguito centinaia di tamponi, ispezionato scuole dove c’erano casi “sospetti” e tracciato contatti di decine e decine di positivi. Poi, una domenica sera gli è arrivata una febbre improvvisa: il termometro ha misurato quaranta gradi. Ed è cominciato il calvario.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud

Digital Edition
Dalla Gazzetta del Sud in edicola

Scopri di più nell’edizione digitale

Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale.

Leggi l’edizione digitale
Edizione Digitale

Persone:

Caricamento commenti

Commenta la notizia