Mercoledì, 27 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Bimbo non curato a Catanzaro, scatta l’indagine
IL CASO

Bimbo non curato a Catanzaro, scatta l’indagine

di
La Guardia medica, temendo un caso Covid, non ha aperto la porta della struttura
bimbo non curato, catanzaro, guardia medica, Calabria, Cronaca
La porta dell'ambulatorio della Guardia medica è rimasta chiusa

Rischia di pagare a caro prezzo quella porta chiusa in faccia ai genitori di un bimbo di appena 11 mesi. La procura di Catanzaro ha infatti aperto un fascicolo su quanto avvenuto alcune settimane nella postazione di Guardia Medica del quartiere Lido. Saranno i carabinieri a verificare se vi siano state omissioni nel comportamento del medico che si sarebbe rifiutato di vistare il piccolo che quella sera lamentava sintomi compatibili con il Covid 19. A far scattare gli accertamenti investigativi sono stati i familiari del bimbo. Nella denuncia hanno raccontato che il 3 novembre scorso, preoccupati per le condizioni del bambino si sono recati alla Guardia Medica. Via citofono avrebbero riferito al medico di turno che il piccolo lamentava mal di orecchie, tosse e raffreddore. Ma la porta della struttura sarebbe rimasta chiusa. Il camice bianco, sempre via citofono, gli avrebbe consigliato di rivolgersi a un pediatra e di far effettuare al bambino l’aerosol. Il dottore avrebbe spiegato di non poter effettuare alcuna visita e di non avere dispositivi per curare i bambini. I genitori a questo punto avrebbero chiamato le forze dell’ordine.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Calabria

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook